21 C
Napoli
martedì, Maggio 17, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Walter Mallo torna a processo, la Procura ha fatto appello contro l’assoluzione


Walter Mallo non è un camorrista”. Questa la sentenza che fu emessa nel 2018 dal gip Comella, XIV Sez. del tribunale di Napoli, a carico del giovane ras dalla lacrima tatuata. Il Pm aveva chiesto 8 anni di reclusione per Mallo (difeso dall’avvocato Giovanni Lo Russo) nell’ambito del processo, con rito Abbreviato, che lo vedeva imputato per partecipazione ad associazione camorristica poichè accusato di far parte del clan Genidoni-Esposito, cosca che ha fatto la guerra con i Lo Russo di Miano. Secondo l’accusa Mallo si alleò con l’organizzazione della Sanità per far fuori i Capitoni attraverso stese e raid. Il gip, accogliendo la tesi dell’avvocato Lo Russo, ha assolto Mallo perché il fatto non sussiste.

La Procura di Napoli ha fatto appello contro quella sentenza, ed ora Mallo dovrà comparire il prossimo 24 maggio davanti alla Quarta Sezione della Corte di Appello di Napoli.

L’avvocato Lo Russo che già nel settembre del 2017 fece annullare l’ordinanza a carico di Mallo, il quale da una parte era considerato il capo e promotore di una nuova cosca, dall’altra era ritenuto partecipe al clan Esposito-Genidoni della Sanità. Una contraddizione fu fatta emergere dal difensore e che portò all’annullamento dell’ordinanza, nonostante le gravissime accuse a suo carico.

Mallo veniva definito un “uomo della Sanità che dopo l’uccisione del ras Pierino Esposito prende atto della crisi del gruppo Genidoni e si posta nel Don Guanella nel tentativo di conquistare le piazze di spaccio prima controllate dai Capitoni”. Dunque il giovane ras veniva considerato come “uomo al servizio del clan della Sanità”, anche sulla base delle dichiarazioni rese dai collaboratori di giustizia Carlo Lo Russo e Rosario De Stefano e da quanto emerge dalle intercettazioni ambientali. Accuse che, visto l’esito del processo, non hanno retto in sede dibattimentale portando alla sua assoluzione.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Antonio Mangionehttp://www.internapoli.it
Giornalista pubblicita iscritto dalll'ottobre 2010 all'albo dei Pubblicisti, ho iniziato questo lavoro nel 2008 scrivendo con testate locali come AbbiAbbè e InterNapoli.it. Poi sono stato corrispondente e redattore per 4 anni per il quotidiano Cronache di Napoli dove mi sono occupato di cronaca, attualità e politica fino al 2014. Poi ho collaborato con testate sportive come PerSempreNapoli.it e diverse testate televisive. Dal 2014 sono caporedattore della testata giornalistica InterNapoli.it e collaboro con il quotidiamo Il Roma
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Torna la paura a Soccavo, 2 colpi di pistola esplosi contro il cognato del boss

Antonio Ernano è stato ferito in via Vicinale Palazziello nel quartiere Soccavo. Dopo l'agguato la vittima ha raggiunto autonomamente...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria