Willy massacrato in strada, arrestati 4 giovani: prima le botte poi la fuga

Willy Monteiro Duarte è stato preso a calci e pugni, anche in testa, fino a rimanere esanime sull’asfalto. Un’aggressione subita per aver difeso poco prima un suo amico. E’ finita in tragedia una lite tra giovani nella notte fuori dai locali di Colleferro, in provincia di Roma. Il 21enne italiano di origini capoverdiane che abitava a Paliano, nel frusinate, è morto per le botte ricevute in strada da alcuni coetanei.

I NOMI DEGLI ARRESTATI DOPO L’OMICIDIO DI WILLY

Quattro i giovani arrestati dai carabinieri della compagnia di Colleferro che li hanno rintracciati poco dopo il pestaggio nella vicina Artena, dove erano fuggiti con un’auto di grossa cilindrata. Il 22enne Mario Pincarelli, il 23enne Francesco Belleggia, il 24enne Marco e il 26enne Gabriele Bianchi sono stati fermati poco dopo la terribile aggressione dai carabinieri di Colleferro e portati in caserma. Tutti sono accusati di omicidio preterintenzionale.

Willy era intervenuto in difesa di un suo compagno di scuola durante una lite, forse per una ragazza, con uno degli arrestati, dividendoli. Dopo qualche minuto sarebbe stato raggiunto dai quattro che lo hanno pestato. A rimanere feriti anche altri due coetanei che, assistendo alla scena, sono intervenuti e hanno riportato ferite giudicate guaribili in 10 giorni. Willy che è arrivato morto in ospedale, nonostante l’arrivo dei soccorsi.

Tra i primi ad accorrere sul luogo dell’aggressione il comandante della stazione dei carabinieri di Colleferro. Dopo aver raccolto le testimonianze, i militari hanno bloccato poco dopo i quattro presunti responsabili al centro di Artena, dove erano fuggiti in auto.