27.3 C
Napoli
domenica, Giugno 16, 2024
PUBBLICITÀ

Camorra: killer in azione a Melito

PUBBLICITÀ

Un nuovo agguato a Melito scuote la città. La faida in corso all’interno del clan degli scissionisti di Secondigliano ha fatto una quinta vittima. A cadere sotto il colpi dei sicari è Fortunato Scognamiglio di 28 anni, in via Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, poco dopo le 17,30, nei pressi di un negozio. Sull’accaduto stanno indagando i carabinieri della locale tenenza e quelli della compagnia di Giugliano diretti dal capitano Francesco Piroddi. Secondo quanto finora è stato ricostruito l’uomo sarebbe stato raggiunto da due sconosciuti in sella ad una moto che hanno esploso diversi colpi di pistola. Scognamiglio ha tentato di sfuggire, dirigendosi verso un negozio, ma i sicari lo hanno raggiunto facendo di nuovo fuoco. La vittima secondo gli inquirenti oltre ad essere considerato un affiliato al clan degli scissionisti, sarebbe sfuggita al blitz che nel 2007 portò all’arresto di oltre un centinaio di persone. La strada dove i killer sono entrati in azione è a ridosso tra i comuni di Giugliano e Melito e adiacente a Via Madonna delle Grazie, che di solito a quell’ora è molto trafficata. Sul posto, opportunamente transennato, i carabinieri stanno cercando prove e riscontri per risalire agli autori del delitto. Gli uomini della scientifica sono già al lavoro per prelevare tracce dei bossoli esplosi ed eventuali indizi utili alle indagini. Intorno alla zona, scena del raid di camorra, si sono accalcate decine di curiosi tenute debitamente a distanza dalle forze dell’ordine.
Si tratta del quinto omicidio in zona, in soli undici giorni. Il 5 gennaio, un uomo e’ stato freddato a Giugliano. Mentre l’8 gennaio sono stati trovati due cadaveri carbonizzati all’interno di una Fiat Punto in piazza Giovanni XXIII, di fronte al cimitero. Se le identità delle due vittime fossero confermate, sarebbero due spacciatori ritenuti vicini agli Scissionisti, probabilmente uccisi in un luogo diverso e poi trasportati nella macchina rubata. Infine, lo scorso 11 gennaio, un pregiudicato di 52 anni è stato raggiunto da un colpo di pistola calibro 9 semiautomatica: a terra sono stati trovati i bossoli.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Spunta la prima ipotesi sul duplice omicidio dei fratelli Marrandino

Si continua a indagare sulle ragioni che hanno spinto il presunto assassino, un operaio di 53 anni, anche lui...

Nella stessa categoria