27.6 C
Napoli
sabato, Luglio 20, 2024
PUBBLICITÀ

Giudice di pace: c’è l’accordo ma non convince

PUBBLICITÀ

Siglato il protocollo d’intesa per scongiurare la soppressione del Giudice di Pace, ma l’accordo tra i comuni non convince pienamente. Un patto della durata di tre anni, sancito lo scorso 19 aprile e che conferma la volontà, da parte degli enti locali interessati (Marano, Giugliano, Melito, Mugnano, Villaricca, Qualiano e Calvizzano), di conservare sul territorio gli uffici giudiziari attualmente ubicati in via Cesina ma destinati ad essere trasferiti (entro sei mesi) in via Escrivà de Balaguer. Uffici che erano da tempo a rischio taglio per effetto di un decreto legislativo che da il la alla revisione delle circoscrizioni giudiziarie italiane. Ogni ente si è riservato di prevedere un apposito intervento di spesa nei rispettivi bilanci previsionali del 2013, dovendo assumersi l’onere di partecipare finanziariamente alla gestione dell’ufficio attraverso una quota fissa pari al 60 per cento del costo totale (oltre 300 mila euro l’anno) e un restante 40 per cento da coprire con una quota ripartita in base al numero di abitanti dei rispettivi comuni. Le amministrazioni locali si sono impegnate a mettere a disposizione le unità lavorative necessarie per il corretto svolgimento delle attività giudiziarie, ma hanno facoltà di recedere dall’intesa – previa comunicazione al Comune capofila, Marano – entro il prossimo 30 settembre. Alcuni di esse non hanno ancora prodotti gli atti di giunta o di Consiglio annunciati, nel corso dei mesi, dai primi cittadini.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Conte non salta al coro anti-juve: “Non chiedetemi cose che non farò”. Il video virale

Il popolo del Napoli è stato più forte dell'acqua caduta copiosamente su Dimaro Folgarida. Ma, come si dice, "presentazione...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ