Consigliere comunale della Lega aggredito in strada in provincia di Napoli

mario buono

Un consigliere comunale della Lega di Torre del Greco (Napoli), Mario Buono, è stato ggredito a calci e pugni mentre era in auto nel centro cittadino. Sull’ aggressione indaga la polizia. L’episodio – secondo quanto si è appreso – non riguarderebbe però l’appartenenza al partito di Salvini. Né la recente visita del leader della Lega nella città vesuviana, oggetto della contestazione dei Centri sociali nel corso di un comizio. Ciò nonostante l’ episodio è arrivato ai vertici nazionali della Lega, suscitando la condanna dello stesso Salvini.

Stando a quanto emerso dalle indagini, il consigliere della Lega Mario Buono costretto con la violenza a scendere dall’auto in via Roma, e poi malmenato da un soggetto non ancora identificato che gli avrebbe contestato l’ interessamento, nella sua qualità di consigliere comunale. per un’ area usata come parcheggio nella vicina via Colamarino. L’ area è stata chiusa dopo l’intervento del consigliere comunale.

Il consigliere Mario Buono medicato in ospedale

Mario Buono medicato al pronto soccorso dell’ ospedale “Maresca” e giudicato guaribile in 5 giorni. Il consigliere comunale ha presentato denuncia al commissariato di polizia di via Sedivola. (ANSA).

Potrebbe interessarti anche

Salvini a Torre del Greco, fischi e lancio di pomodori

È durato circa 5 minuti e mezzo l’intervento di Matteo Salvini a Torre del Greco nell’ambito del suo tour elettorale in vista delle Regionali del 20 e 21 settembre. Fischi, slogan, contestazioni e perfino lancio di pomodori. Così hanno accolto le sue parole sul palco allestito nella zona tra via Roma e corso Vittorio Emanuele chiusa al traffico.

Del resto il leader della Lega, dopo essere stato a Pompei, doveva anche visitare le aree mercatali di largo Santissimo e passeggiare in via Salvator Noto, ma le condizioni ambientali – è stato organizzato anche un corteo composto da almeno un centinaio di manifestanti partito da piazza Santa Croce – hanno consigliato ai responsabili del servizio d’ordine di puntare direttamente al gazebo dove erano presenti già gli attivisti locali.

Seguici Sui Nostri Canali Social

Rimani Aggiornato Sulle Notizie Di Oggi