Allarme in Cina, scoperto un nuovo virus “potenzialmente pandemico”

Allarme in Cina, scoperto un nuovo virus “potenzialmente pandemico”
Allarme in Cina, scoperto un nuovo virus “potenzialmente pandemico”

Non solo Covid-19. Se gli scienziati continuano ad assicurare che quella legata a Sars-Cov-2 non sarà l’ultima pandemia, una nuova minaccia si profila all’orizzonte, e ancora una volta arriva dalla Cina. Un nuovo ceppo di influenza che ha il «potenziale» per scatenare una pandemia è stato identificato, in Cina, da un team di scienziati cinesi e britannici. Il virus è emerso di recente ed è veicolato dai maiali, ma può infettare l’uomo, dicono i ricercatori. Il timore è che possa mutare ulteriormente in modo da diffondersi facilmente da persona a persona e innescare un focolaio globale.

L’allarme dei virologi

In un mix molto noto ai virologi di tutto il mondo. Si tratta di un virus simile a quello dell’influenza H1N1 responsabile della pandemia del 2009. Ora è tornato a utilizzare l’organismo dei maiali per modificarsi, imparando ad aggredire l’uomo. Scoperto in Cina, nell’ambito di un progetto di sorveglianza avviato da anni per sorprendere sul nascere eventuali virus capaci di provocare pandemie.

Lo studio sui maiali del nuovo virus

Sebbene non sia un problema immediato, secondo il team questo virus ha «tutte le caratteristiche» per adattarsi e infettare gli esseri umani. Dunque necessita di un «attento monitoraggio». Essendo nuovo, la popolazione potrebbe non avere sufficienti difese immunitarie. Ecco perché i ricercatori sottolineano su Proceedings of National Academy of Sciences la necessità di implementare rapidamente le misure per controllare il virus nei suini e un attento monitoraggio dei lavoratori del settore. L’ultima influenza pandemica – la suina del 2009 – è stata meno letale di quanto inizialmente si era temuto, soprattutto perché molte persone anziane avevano una forma di immunità al virus, probabilmente a causa della sua somiglianza con altri patogeni influenzali circolati in precedenza.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.