«Volevo fermarla». Morte Annamaria Sorrentino, la famiglia della 29enne di Melito non crede alle parole del marito

Non crede all’ipotesi suicidio, la famiglia di Annamaria Sorrentino, la giovane 29enne originaria di Melito residente però a Nola da 7 anni con il marito. La ragazza, affetta da sordità, ha perso la vita dopo essere precipitata dal balcone: ipotesi che, però, la famiglia della vittima rifiuta di accattare. «Mia figlia non si sarebbe mai suicidata. Era una ragazza piena di vita e di ambizioni», ha spiegato la madre. Al momento del dramma la coppia era in vacanza a Parghelia, in Calabria, dove soggiornava in un appartamento situato al terzo piano. La versione del marito di Annamaria non convince poiché, prima della tragedia, i vicini avevano segnalato una furibonda lite tra i due.

Ai microfoni di “Chi l’ha Visto” ha spiegato che la 29enne si è buttata dal balcone mentre lui picchiava un amico nel corso di una lite per gelosia.