Weekend di sangue nel Napoletano, baby gang spacca la testa ad un 15enne davanti al Santuario

Sono stati picchiati da una baby gang in una serata che in realtà sarebbe servita solo a divertirsi. Invece sono stati presi di mira e picchiati a sangue proprio a pochi metri dal Santuario di Pompei, dove -scrive Il Mattino– il cardinale Sepe celebrava la chiusura del mese.

I fatti

Paura e terrore a Pompei: una babygang all’assalto di cinque minorenni. Un 15enne finisce in ospedale con la testa rotta da una pietra. I cinque minorenni sono stati pedinati e aggrediti da una baby gang. Impauriti sono scappati, rifugiandosi nella stazione delle Ferrovie dello Stato. Come riportato dal Mattino i bulli li hanno inseguiti fino alla stazione aggredendoli con le pietre raccolte dai binari del treno. Le vittime dei baby bulli sono riusciti a fuggire e a mettersi in salvo presso gli uffici del commissariato di Pompei. Gli agenti, agli ordini del vicequestore Stefania Grasso, sono al lavoro per identificare i componenti della babygang.