Barista schiaffeggiato per un caffè al Santuario di Pompei Ti spacco la faccia
Barista schiaffeggiato per un caffè al Santuario di Pompei Ti spacco la faccia

Barista schiaffeggiato e minacciato per il costo di un caffè. Stamattina il personale del commissariato di polizia di Stato di Pompei, in esecuzione di un’ordinanza cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta di questa Procura della Repubblica, sottoponeva all’obbligo di presentazione quotidiana alla Polizia Giudiziaria il pluripregiudicato G.D.M.

L’uomo è gravemente indiziato dei reati di tentata estorsione e lesioni personali aggravate. In particolare, nella notte dello scorso 4 giugno il personale della Squadra Volante del commissariato polizia di Pompei interveniva presso il bar Santuario della città mariana su richiesta di uno dei dipendenti dello stesso.

FOLLIA AL SANTUARIO PER IL CAFFE’ 

Uno dei dipendenti era stato poco prima minacciato e aggredito da un uomo. Il cliente pretendeva di pagare un caffè al tavolino al prezzo di un euro in luogo dei previsti due euro. Quindi al suo rifiuto aveva dapprima minacciato il barista di spaccargli la faccia. Successivamente il dipendente veniva aggredito e colpito più volte con degli schiaffi al viso, provocandogli delle ecchimosi. L’attività d’indagine del Commissariato di PS successiva al primo intervento, coordinata da questa Procura della Repubblica, permetteva di identificare l’autore del fatto nell’odierno indagato.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.