Calci e pugni in testa, giocatori massacrano di botte l’allenatore dopo la partita: sono tutti minorenni

Un allenatore della squadra di basket di un liceo è stato inseguito, accerchiato e massacrato di botte da quattro suoi giovani giocatori. Il motivo è sconcertante.

L’aggressione è avvenuta nei pressi della scuola superiore Malcolm X Shabazz di Newark, nel New Jersey: la squadra era appena rientrata alla base dopo una gara disputata in trasferta e il coach della squadra è stato prima accerchiato e poi pestato da quattro giocatori adolescenti, che hanno fatto riprendere ad alcuni amici la violenta scena.

Il filmato, che dura poco più di 30 secondi, mostra l’aggressione ai danni dell’allenatore, prima dell’intervento di altre persone in difesa dell’uomo. Dalle prime indagini, sembra che a scatenare la rabbia dei quattro adolescenti fosse stato un rimprovero del coach, che aveva notato come alcuni dei suoi giocatori si erano resi protagonisti di episodi di bullismo ai danni di alcuni compagni di scuola. Lo riporta anche la NBC.

L’identità degli aggressori, tutti minorenni, resta riservata, ma la scuola ha fatto sapere che sono stati già sospesi e la polizia ha annunciato di averli denunciati: «Chi ha partecipato ad un episodio così violento e privo di senso dovrà affrontare delle accuse». Le indagini, comunque, proseguono per risalire ad altri giovani che avrebbero in qualche modo favorito gli aggressori, a cominciare dall’autore del video.