33.4 C
Napoli
giovedì, Agosto 18, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Campania nel pieno della quarta ondata, aumentano ancora i contagi: oggi 2650 positivi


Aumentano i nuovi positivi e cresce anche la curva dei contagi da Covid in Campania. Numeri alla mano, oggi il virus fa registrare 2.650 positivi su 49.957 tamponi esaminati, 353 in più di ieri con 3.245 tamponi processati in meno. In percentuale, significa che è positivo il 5,30% dei test, quasi un punto percentuale in più rispetto a ieri quando il tasso di positività era al 4,32%.

Se sale a 8.375 il numero di vittime con i sette decessi contabilizzati ieri, cresce il numero dei ricoveri ospedalieri: 463 ricoverati con sintomi, cinque in più di ieri, e 32 malati in terapia intensiva, tre in più di ieri.

De Luca choc: “I dati della Campania sono da zona arancione, la Variante Omicron è pericolosa”

Contagi covid e allarme variante Omicron in Campania i cui dati, spiega il governatore Vincenzo De Luca, sarebbero già da zona arancione. “Vi invito a stare attenti perché la variante Omicron sta esplodendo. Rispetto ai dati che abbiamo della sanità campana noi dovremmo stare già in zona arancione, non in zona gialla”, ha detto il presidente della Regione , nel suo intervento in Consiglio regionale nel corso della seduta sul bilancio.

“Il dato che è arrivato ieri – ha aggiunto De Luca – era di occupazione del 12,5% di posti di area medica per ricoveri Covid ordinari e del 6% di occupazione di posti di terapia intensiva. Le soglie sono rispettivamente 15% per l’area medica e 10% per le terapie intensive. Adesso dobbiamo controllare quotidianamente che non vengano sforati i parametri nazionali altrimenti ci facciamo male, perché già per il livello di contagio per 100mila abitanti siamo oltre soglia. Reggiamo perché reggiamo sui ricoveri in area medica e in terapia intensiva. Dal punto di vista strettamente sanitario noi avremmo interesse ad andare subito in zona arancione, ma dal punto di vista sociale ed economico no, perché sarebbe una tragedia bloccare di nuovo l’economia della regione. Quindi in questo momento stiamo cercando di liberare posti di reparti ordinari per accogliere malati Covid, sapendo che questo è qualcosa che pesa sulla vita della nostra comunità perché ritardiamo altri interventi, ovviamente non quelli urgenti ovviamente”.

Sui posti aggiuntivi di terapia intensiva, De Luca ha sottolineato che “dobbiamo riaprire, sapendo che abbiamo un problema drammatico di personale. Il problema non sono le strutture, abbiamo realizzato l’anno scorso 120 posti aggiuntivi di terapia intensiva e abbiamo subito aggressioni mediatiche idiote, infami. Mancano gli anestesisti, manca il personale, dobbiamo bloccare altre attività in altri reparti, ma è chiaro che se arriviamo a occupare il 10% delle terapie intensive non c’è altro da fare, dobbiamo chiudere il resto. Stiamo dando l’anima per cercare l’intesa con i nostri dirigenti medici per non sforare le due soglie previste dalla norma nazionale”.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alberto Raucci
Alberto Raucci
Alberto Raucci, 27 anni. Dal 2018 collaboro con InterNapoli.it, diventando giornalista pubblicista (e conseguendo quindi il tesserino) nel 2020. Nel corso degli anni ho avuto modo di scrivere anche per AbbìAbbè, giornale online e mensile in carta stampata. Abile nella produzione e nel montaggio video.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Morte di Carmen Scivattaro, polemiche tra gli attori di Un Posto al Sole: “La famiglia aveva chiesto riservatezza”

È morta all'età di 77 anni l'attrice Carmen Scivittaro. L'artista era amata dal pubblico di Un posto al sole per il ruolo di Teresina Diacono che...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria