23.1 C
Napoli
sabato, Maggio 18, 2024
PUBBLICITÀ

Celebrata anche a Napoli la fine del Ramadan: tra i fedeli in preghiera anche un ‘Maradona’

PUBBLICITÀ

Nella vivace cornice di Piazza Plebiscito a Napoli, migliaia di fedeli hanno celebrato la conclusione del Ramadan, unendo le loro preghiere e condividendo momenti di unione. L’atmosfera era permeata di un messaggio di integrazione, incarnato da coloro che indossavano maglie di Maradona, simbolo di passione e identità napoletana.

L’imam della moschea dei Quartieri spagnoli, prima dell’inizio del rito ha commentato la proposta di chiudere le scuole in occasione di questa ricorrenza.

PUBBLICITÀ

Anche se non siamo stati noi a chiederlo, è una decisione che comunque accogliamo con gioia come indice di grande sensibilità e di rispetto reciproco“, ha dichiarato.

Le parole di unità e dialogo sono state amplificate dall’Imam Amar Abdallah, che ha sottolineato il carattere inclusivo di Napoli e ha ricordato l’importanza di festeggiare il Ramadan, una celebrazione fondamentale per i musulmani.

Noi non abbiamo molte feste, sono un paio all’anno, non mi sembra una tragedia. Spero che si riescano a comprendere sempre di più le esigenze di noi musulmani“.

Ramadan in Piazza Plebiscito 

L’assessora Chiara Marciani, in rappresentanza del Sindaco, ha sottolineato l’importanza di promuovere una convivenza armoniosa e il benessere della città, ribadendo la possibilità di costruire una comunità fondata sulla comprensione reciproca e la collaborazione.

Infine, l’Imam Amar Abdallah ha espresso il desiderio di vedere costruita una moschea a Napoli, simile a quelle presenti in altre città italiane, come Roma e Milano, sottolineando l’uguaglianza e l’importanza di Napoli nel contesto nazionale.

La celebrazione del Ramadan a Napoli ha rappresentato quindi non solo un momento di preghiera e festa, ma anche un’occasione per promuovere valori di integrazione, pace e collaborazione all’interno della comunità.

La giornata non è stata solo un momento di celebrazione, ma anche un’opportunità per rivolgere l’attenzione alla questione palestinese e alla violenza a Gaza. L’Imam Amar Abdallah ha lanciato un appello accorato affinché si ponga fine alla violenza e si lavori per la pace.

Non sono abbastanza 15.000 bambini morti, più di 35.000 innocenti uccisi e più di 80.000 feriti? Non è arrivato il momento di fermare questa cascata di sangue?“, ha urlato.

 

 

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Buone ragioni per comprare un climatizzatore Daikin

Daikin è di certo uno dei brand più affidabili nel settore dei climatizzatori per uso residenziale. Parliamo, infatti, di...

Nella stessa categoria