Dal successo alla caduta: che fine hanno fatto i personaggi di Telegaribaldi

che fine hanno fatto personaggi telegaribaldi
La ricordate? E' stata una delle trasmissioni più viste degli ultimi 50 anni.

Negli anni a cavallo tra la fine del secondo millennio e l’inizio del terzo, Telegaribaldi è stato uno dei programmi più seguiti con alcuni personaggi che hanno poi travato spazio sulle reti nazionali, mentre altri sono letteralmente scomparsi nel nulla.  Ciò che in molti si chiedono è che fine hanno fatto i protagonisti di Telegaribaldi?

Per dare una risposta bisogna però partire dagli inizi.

Il programma è nato nel 1996 da un’idea dei comici Lino D’Angiò e Alan De Luca. Era in origine ambientato in uno scantinato (detto “scantinight”), occupato abusivamente e si immaginava diffuso via etere grazie ad un collegamento (anch’esso abusivo) con un’antenna di una signora, Clara, che abitava nel palazzo. I due comici conducevano una specie di telegiornale, diffondendo notizie, e di volta in volta collegandosi con diversi personaggi, alcuni dei quali interpretati da loro stessi mediante travestimenti. Inoltre alcuni personaggi bussavano al videocitofono dello scantinato e parlavano con i conduttori.

Il programma ebbe un gran successo, anche nel secondo biennio quando D’Angiò e De Luca furono sostituiti da Gianni Simioli e Biagio Izzo, al punto da superare negli ascolti trasmissioni nazionale del calibro del Maurizio Costanzo Show. Dal quinto anno in poi la popolarità della trasmissione cominciò a calare, nonostante il ritorno (e poi l’abbandono) di Alan De Luca e Lino D’Angiò, che condusse il programma fino alla definitiva chiusura.

Cosa fanno ora i protagonisti di Telegaribaldi

Lino D’Angiò dopo Telegaribaldi

Bassolindo, Iervolindo, il presidente del Napoli Giorgio Corbelli, Il Provveditore Fittizia, Federico (il critico musicale), La maga Titì e Geppino Palla da Ercolano  sono solo alcuni dei personaggi interpretati da D’Angiò nel programma. Ideò successivamente il riuscito programma Avanzi Popolo!, prendendo poi parte come inviato a “Striscia la notizia e “Quelli che il calcio”. In teatro, dopo il successo televisivo di Telegaribaldi, ha ottenuto numerose repliche e migliaia di spettatori con gli spettacoli “Natale in casa Bassolindo” e “Spasso dopo spasso in casa Bassolindo”,”Giallo comune”. Altri spettacoli teatrali sono: Il Codice D’AngiòFaccio…Piazza pulita, Da grande voglio fare il Sindaco, Revolushow.

Alan De Luca

Ciruzzo Tozzi, Aniello Guardascione, Professor Pacifico Cirillo, Don Vincenzo, Peppe Borghetti (il tifoso del Napoli), Fiorazzo sono invece i personaggi interpretati da Alan De Luca. La carriera di quest’ulltimo è legata a doppio filo a quella di Lino D’Angiò. Dopo una lunga separazione, i due sono tornati a lavorare insieme nel 2017 a PiùEnne con il programma Made in China, poi passato sulle frequenze di Canale 8.

Altri personaggi e protagonisti di Telegaribaldi e che fine hanno fatto

Gianni Simioli (prof Camillo De Meis, Colomba) e Biagio Izzo (Bibì, Amedeo, Assunta)

Dopo aver brillantemente condotto la terza e la quarta edizione di Telegaribaldi, le loro strade si sono divise. Biagio Izzo ha letteralmente spiccato il volo divenendo uno dei volti più noti della tv italiana e riscuotendo un evidente successo anche al cinema. Biagio Izzo non ha mai abbandonare il teatro dove è tra gli interpreti più apprezzati. Gianni Simioli è invece corpo e anima de La Radiazza, programma radio di inchiesta e approfondimento di tutto ciò che riguarda Napoli ed i napoletani.

Loredana Simioli dopo Telegaribaldi

Il suo volto e soprattutto i suoi personaggi (Mariarca, Lionela, Barbie e Chantal) sono stati tra i più apprezzati dei fan di Telegaribaldi. Al termine del programma Loredana Simioli ha recitato in Reality (2012) di Matteo Garrone, oltre che in Gorbaciof (2010), L’amore buio (2009), Si accettano miracoli (2014), Perez (2014), Troppo napoletano (2016) e Nato a Casal di Principe (2017). Lo scorso anno è deceduta, dopo aver a lungo combattuto contro un brutto male. 

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK