Coronavirus, parla la paziente guarita: «È solo un’influenza, mi sono curata così»

È stata la prima guarita da coronavirus in Italia a rompere il muro dell’allarmismo. “Svegliamoci ragazzi, ci stiamo facendo male da soli”, ha affermato la donna di 47 anni di Voì Euganeo (Padova), il paese focolaio del contagio in Veneto. Dopo la morte di Adriano Trevisan, il primo decesso che come concausa aveva il coronavirus, la paziente guarita ha dichiarato al Corriere: «Paura? Ma di cosa? Si tratta di un’influenza, mica muori. Mi sembra siano diventati tutti scemi».

La stessa donna ha passato un solo giorno in ospedale, dove le è stata fatta una flebo. Poi ha passato la quarantena in casa: «L’unica medicina me la sono data io. Avevo mal di testa per tutto questo casino, ed ho chiesto se potevo prendere un Moment che avevo in borsa».

«Se non fosse morto il povero Adriano – ha poi aggiunto – se fossimo andati lunghi, non avrei saputo di essere positiva. E come me, tanti altri. Non credo sarebbe cambiato nulla».

L’Organizzazione mondiale sanità tranquillizza: «Il 95% dei malati guarisce dal Coronavirus»

Fare attenzione sì, ma senza perdersi d’animo, perchè dal Coronavirus guariscono quasi tutti. La pensa così Walter Ricciardi, membro dell’Organizzazione mondiale della sanità. Secondo Riccardi “è giusto non sottovalutare la malattia, che però deve essere nei giusti termini. Su 100 persone malate, 80 guariscono spontaneamente, 15 hanno problemi seri ma gestibili in ambiente sanitario e solo il 5% muore”.

Coronavirus, “Tutte le persone morte già gravemente malate”

Walter Riccardi ci ha tenuto a precisare che “tutte le persone decedute avevano già condizioni gravi di salute”.

Che cos’è l’Oms (wikipedia)

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS; in inglese World Health OrganizationWHO), agenzia speciale dell’ONU per la salute, è stata fondata il 22 luglio 1946 ed entrata in vigore il 7 aprile 1948 con sede a Ginevra.

L’obiettivo dell’OMS, così come precisato nella relativa costituzione, è il raggiungimento da parte di tutte le popolazioni, del livello più alto possibile di salute, definita nella medesima costituzione come condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non soltanto come assenza di malattia o di infermità. È membro del Gruppo per lo sviluppo delle Nazioni Unite. coronavirus

Al momento della sua fondazione, la costituzione dell’organizzazione fu ratificata da 25 stati. Il primo direttore generale dell’agenzia fu il medico canadese Brock Chisholm.[1]

L’OMS è governata da 194 stati membri attraverso l’Assemblea mondiale della sanità, convocata annualmente in sessioni ordinarie nel mese di maggio. Questa è composta da rappresentanti degli stati membri, scelti fra i rappresentanti dell’amministrazione sanitaria di ciascun paese (Ministeri della sanità). Le principali funzioni dell’Assemblea consistono nell’approvazione del programma dell’organizzazione e del bilancio preventivo per il biennio successivo, e nelle decisioni riguardanti le principali questioni politiche. coronavirus

È un soggetto di diritto internazionale, vincolato, come tale, da tutti gli obblighi imposti nei suoi confronti da norme generali consuetudinarie, dal suo atto istitutivo o dagli accordi internazionali di cui è parte.

La giurisprudenza internazionale ha precisato che esiste, a carico degli stati, un “obbligo di cooperare in buona fede per favorire il perseguimento degli scopi e degli obiettivi dell’Organizzazione espressi nella sua costituzione”.coronavirus