Diego Demme pronto alla battaglia, perché il neo acquisto del Napoli ha il dente rotto

Diego Demme è un nuovo giocatore del Napoli. Nessuna novità, un trasferimento come tanti penserete, e invece no. Quella tra il centrocampista tedesco e gli azzurri è una storia d’amore scritta già da quando il 31 ex Lipsia venne al mondo.

Per cominciare vi basti sapere che papà Enzo, italiano e grandissimo tifoso del Napoli, gli ha dato il nome Diego in onore di Maradona. Non crediate però finisca qui. In un intervista rilasciata lo scorso anno infatti, Demme, ad una domanda in cui gli chiedevano cosa gli piacesse maggiormente dell’Italia, rispose: “Napoli e il caffè”.

A rendere il trasferimento ancor più un tassello perfetto nello scacchiere azzurro il fatto che, in tempi non sospetti, il centrocampista tedesco ammise di avere come idolo indiscusso, sin da piccolo, Gennaro Gattuso: “E’ il mio idolo, da sempre. Era su ogni pallone, credo che in tanti anni di carriera nessuno sia mai riuscito a superarlo. Mi ispiro a lui”.

Ancora una piccola curiosità su Diego Demme che, nel 2017, passò alla ribalta per… Un dente rotto. Era aprile quando, nella partita vinta dal Lipsia sul Friburgo per 4-0, il centrocampista marcò il tabellino con un tap-in di testa sotto rete. Nel segnare il suo primo goal con la maglia del Lipsia, si scontrò violentemente con un difensore, perdendo il dente nel contrasto. L’allenatore dell’epoca, Ralph Hasenhüttl, la mise sul ridere: “Non c’è pericolo che perda altri denti, non è che segni altri gol”.