9 C
Napoli
lunedì, Gennaio 24, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

«Era solo goliardia…». Il tifoso si scusa con la giornalista ma arriva il pugno duro: denuncia e Daspo per 3 anni


Dopo le molestie arrivano le “timide” scuse a Greta Beccaglia da parte dell’uomo denunciato per aver palpato la giornalista in diretta Tv. Era goliardia, ho fatto una cavolata“: così si è  giustificato Andrea Serrani. Parole che non gli hanno evitato il Daspo per 3 anni dagli stadi. 

Era stato individuato poco dopo lo spiacevole gesto il tifoso che sabato sera ha molestato Greta Beccaglia, inviata di Toscana Tv, durante un collegamento post partita in diretta dallo stadio ‘Castellani’. Greta Beccaglia era fuori lo stadio per immortalare gli umori dei tifosi viola quando uno di loro si avvicina e le da uno schiaffo sul sedere. Il gesto fa subito il giro del web, portando indignazioni e la denuncia della giornalista. Andrea Serrani questo il nome del 45enne di Ancona proprietario di un ristorante alle porte della città, colpevole del triste gesto. La polizia di Empoli è subito risalita al suo nome, servendosi dei filmati che lo inquadravano.

Le parole del tifoso 

Andrea Serrani ha precisato al ‘Corriere Fiorentino‘: “Avevamo perso e ho fatto quel gesto in un momento di stizza e per goliardia. Non avrei mai pensato a tutto quello che sta succedendo“, ma la matrice del problema è proprio questa forse, non ha pensato a quanto potesse essere spiacevole quello schiaffo sul sedere, dando per scontato che fosse una semplice “goliardia”. “Non è assolutamente un atto di sessismo“, però in questi gesti il sessismo è palese e vale la parola della vittima. La giornalista si è sentita ovviamente violata e ha da subito dichiarato: “Quello che mi è successo succede purtroppo a tante ragazze, io posso far arrivare forte il messaggio per tutte le altre e voglio farlo“.

Le scuse a Greta Beccaglia 

Il tifoso però non si arrende e si dichiara fortemente dispiaciuto, intenzionato a chiedere scusa di persona alla giornalista: “Il mio avvocato sta cercando il legale della giornalista: voglio farle le scuse ufficiali“. Andrea Serrani è anche intervenuto al programma radiofonico ‘la Zanzara‘: “Ho chiesto scusa e ci mancherebbe, ho sbagliato, voglio incontrarla quando lei vorrà“. Spiega poi come anche tutta la sua famiglia sia contrariata dal suo gesto: “Mi hanno detto ‘come ti è venuto in mente? Sanno che non sono questa persona cattiva, stiamo passando tutti i dispiaceri possibili del mondo“. Continua poi: “Non sto bene, guardate dove è finita questa cosa per uno sbaglio. Uno lavora una vita, crea una vita e poi guardate cosa succede“, suscita però poco “dispiacere” la sua posizione. Andrea Serrani è un uomo adulto e cosciente, il suo gesto è figlio di una mentalità patriarcale irrispettosa che pensa di giustificare la pacca sul sedere come “goliardia”, non ci si può più appigliare alla ‘buona fede’ dello ‘scherzo’. Rimane infatti l’accusa a suo carico.

Tante le voci che hanno parlato in difesa di Greta e che non hanno accettato le scuse di Andrea Serrani: “E’ troppo semplice ora il grido unanime sui social, continuando a sostenere che in ogni caso, non importa il motivo, un gesto del genere nel 2021 non è accettabile e va punito.

Arriva il Daspo per il tifoso 

Il sottosegretario dell’Interno Carlo Sibilia ha dichiarato infatti: “Da qui a poco sarà emesso un provvedimento di Daspo nei confronti di un uomo, identificato come quello che si è reso responsabile di quei gesti insopportabili, dì cui si conoscono ora le generalità“. E infatti stamattina arriva la scelta finale. Il questore di Firenze ha emesso un Daspo di 3 anni, senza altre prescrizioni, per tenere lontano il tifoso da qualsiasi manifestazione sportiva. 

Provvedimento anche per il collega di Greta Beccaglia

Ad aggravare la situazione le spiacevoli precisazioni fatte alla giornalista :” Mi hanno perfino detto che avevo un abbigliamento provocante” non ricorderemo come in realtà era vestita, qualsiasi abbigliamento non giustifica il gesto. Arrivano poi anche le parole del giornalista in collegamento dallo studio: “Non te la prendere“, parole reputate fuori luogo. Greta Beccaglia ha però dichiarato: “È un professionista serio. Non s’è reso conto di quello che realmente stava accadendo. Si è scusato molte volte e mi ha invitata a denunciare tutto“. Ma non è bastato per evitare al giornalista la sospensione da Toscana tv.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

«Vieni con me che ti benedico», strattona un bimbo e si dà alla fuga: caccia all’uomo a Salerno

Ha strattonato un bambino, l'ha trascinato per circa un metro ed è scappato. Questo quanto accaduto nel tardo pomeriggio...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria