Università di Napoli in lutto, lacrime per la morte di Francesca: «Ragazza brillante e sensibile»

“Guarda il volto di chi muore come di colui che vive. Non temere il timore. Non avere paura della paura. Incubi e sogni sono uguali finché fai finire… entrambi…”.
Con questo passo tratto da “Exit” di Francesca Fichera, l’Adi Napoli esprime profondo dolore e vicinanza alla famiglia e alla comunità dell’Università di Napoli Federico II per la perdita della socia Francesca. Dottoranda brillante, scrittrice sensibile, collega affettuosa.

La morte di Francesca ha gettato nello sconforto l’intero mondo universitario che domani, nella chiesa del Chiostro di Santa Chiara, darà l’ultimo addio alla giovane studentessa del dipartimento Scienze Sociali di Napoli.

“Una ragazza solare con tanta intelligenza.  Una perdita terribile 😔 non c’è dubbio che adesso sia un angelo e ci guardi da lassù….”, scrivono gli amici sui social.