Napoli, cavo si spezza e cade sui vagoni della funicolare: corse sospese

 Panico per i passeggeri questo pomeriggio alla Funicolare di Chiaia. Un cavo a basso voltaggio durante uno dei viaggi della tratta Vomero-Parco Margherita, con ogni probabilità a causa del maltempo di queste ore, si è staccato dalla volta della galleria della funicolare quando il convoglio era appena giunto alla stazione del corso Vittorio Emanuele. Il cavo, staccandosi, si è impigliato in uno pantografi (il meccanismo che dà energia al treno) provocando un forte rumore che ha spaventato i pendolari, nessuno dei quali però ha riportato ferite o contusioni.
La caduta del cavo ha comportato l’interruzione del servizio della Funicolare e gli utenti sono stati costretti ad utilizzare il vano di guida di via Palizzi al Vomero come uscita d’emergenza. Alcuni dei presenti hanno raccontato lo spavento di chi era a bordo. «I passeggeri si sono riparati sotto i sediolini appena hanno sentito il rumore del cavo, qualcuno ha temuto il peggio».
Alcuni hanno anche confidato di pensare «di morire». «Per i viaggiatori non vi è mai stato un pericolo – recita una nota dell’Anm circa l’accaduto – Il treno si è fermato a Corso Vittorio Emanuele e, quando i tecnici hanno verificato il guasto, i passeggeri sono stati invitati a scendere. I tecnici della funicolare sono subito intervenuti e intorno alle 18 hanno sostituito il pantografo in cui si era impigliato il cavo, procedendo ad alcuni viaggi di prova del treno». La circolazione è poi ripresa con la prima corsa alle 18.50 con i passeggeri che hanno potuto tornare in tutta sicurezza ad utilizzare la Funicolare di Chiaia.
Stando a quanto raccolto da InterNapoli.it, non è la prima volta che un cavo di una funicolare si muove in modo innaturale per via della ceditura di uno dei tirantini che possono incepparsi nei pantografi.
Un fattore, questo, si particolare ma che non sarebbe così pericoloso o grave tale da mettere davvero a repentaglio l’incolumità dei passeggeri, che comunque in questo caso si sono spaventati sul serio.