Generazioni di fenomeni le promesse del calcio Made in Campania
Generazioni di fenomeni le promesse del calcio Made in Campania

Un fenomeno calcistico degli ultimi anni ha fatto sì che l’Italia si “capovolgesse”. Mentre in passato i grandi campioni di calcio nascevano soprattutto nella metà settentrionale dello stivale, pensiamo a Del Piero, Baggio e Maldini, da qualche anno è il sud la vera fucina dei talenti. La regione che sta contribuendo maggiormente ad allevare le promesse del domani è la Campania, dove oggi le scuole calcio nascono come funghi. Grazie alla voglia d’investire di ex calciatori che affidandosi a istruttori di ottima caratura, e fornendoli di strutture moderne e attrezzate, stanno riuscendo a dare un futuro a tanti giovani. Un interesse che coinvolge anche gli operatori di scommesse più popolari come https://librabet.com/it/, che osserva attentamente i giovani talenti capaci di stravolgere le sorti delle squadre in cui giocano.

Inoltre, le società del nord, hanno imparato che anziché mandare gli osservatori in sud America, basta tenere d’occhio i vivai campani in cerca del futuro Ciro Immobile o Fabio Cannavaro. Vediamo quali sono i nomi che renderanno orgogliosi tutti i tifosi campani.

Gianluigi Donnarumma – Un fenomeno che è riuscito a conquistare un ruolo in prima squadra già da minorenne, è il portierone del Milan. Nato a Castellammare di Stabia nel 1999, e dotato di un’imponente mole fisica grazie ai suoi 90 kg distribuiti in 196 cm di altezza, è da tempo una certezza tra i pali rossoneri ma, proprio per l’età, con grandi margini di miglioramento. Una buona notizia anche per la Nazionale italiana che per tanti anni si ritroverà a essere difesa da un altro Gianluigi, dopo Buffon.

Sebastiano Esposito – Un altro stabiese purosangue, anche lui cresciuto calcisticamente in Lombardia tra Brescia e Inter. Sono proprio i nerazzurri a detenere il cartellino dell’attaccante che nell’ottobre 2019 è stato il primo nato nel 2002 a segnare un gol in Serie A. L’Inter ci tiene molto al suo gioiellino e crede che sarà una pedina importante nel futuro della società, per questo ha preferito mandarlo in prestito alla Spal “a farsi le ossa”. I suoi punti di forza sono l’intelligenza tattica e le doti tecniche, che gli permettono di giocare da seconda punta o trequartista. Inoltre, il suo fiuto per il gol e la grande coordinazione lo rendono un giocatore difficile da fermare per qualsiasi difensore.

Gianluca Gaetano – Frutto del vivaio del Napoli, è il centrocampista classe 2000 nativo di Cimitile (Nola). Capace di spaziare tra tutti i ruoli della mediana, è riuscito a mettersi in mostra come trequartista nella UEFA Youth League del 2019, il torneo riservato alla squadre Primavera europee. Nello stesso anno si conquista il suo debutto con la prima squadra, sia in campionato che in Champions League. Oltre alla duttilità di ruolo, è dotato di un dribbling e un controllo di palla eccezionali, e di una visione di gioco da vero assist man. Attualmente milita nella Cremonese in Serie B dove però non ha trovato il giusto spazio.

Che sia l’aria del sud o la rinomata indole napoletana a lottare per emergere, fatto sta che i talenti in Campania non mancano. Peccato che siano spesso i grandi club settentrionali, o europei, a godere delle prestazioni dei nostri giovani, quando sicuramente per tutti il più grande sogno sarebbe quello di vincere vestendo la maglia azzurra del Napoli.

In ottemperanza al decreto dignità: la redazione di InterNapoli.it sottolinea il rischio di dipendenza dalla pratica del gioco d’azzardo, avvertendo i lettori che questa dipendenza nuoce alla salute.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.