Giuseppe Maisto fa chiarezza: “Ho dato la mia disponibilità ma a determinate condizioni”

Giuseppe Pietro Maisto
Giuseppe Pietro Maisto intervistato in esclusiva dalla redazione di InterNapoli.it

Dopo settimane di indiscrezioni sul nome del possibile candidato a sindaco della terza città della Campania della coalizione di centrodestra, ad intervenire in esclusiva ad InterNapoli.it è il dott. Giuseppe Pietro Maisto. Il suo nome è stato tirato in ballo in più occasioni da diversi attori del panorama politico cittadino. Maisto per la prima volta fa chiarezza e dichiara la sua disponibilità a guidare la coalizione di centrodestra alle prossime elezioni Amministrative.

Mentre nel centrosinistra i giochi sembrano chiusi, nell’area di centrodestra non c’è ancora una sintesi. Da più parti si è fatto il suo nome come possibile candidato. 

Parlare di candidature mi sembrava prematuro per diversi ordini di motivi. Veniamo da un periodo estremamente grave dal punto di vista sanitario. Era difficile parlare di politica ed elezioni quando c’erano da affrontare emergenze ben più gravi. Ora che la situazione va normalizzandosi, e dopo l’investitura ufficiale di Stefano Caldoro come candidato alla Presidenza della Regione Campania, è possibile affrontare, per quanto mi riguarda, anche la questione relativa alla candidatura a sindaco. Qualcuno purtroppo dimentica che Giugliano è una città di 130.000 abitanti che merita una centralità politica ad ogni livello istituzionale. 

Lei è accusato di non rappresentare il centrodestra e di non rispecchiare il profilo del candidato a sindaco che era stato indicato nel documento sottoscritto dai 4 partiti e da alcune liste civiche prima del lockdown. Come replica?

Chi mi conosce sa che non ho mai posto la mia persona quale priorità, la mia visione politica della città mi porta a fare delle riflessioni che non possono essere messe in secondo piano. Faccio politica per passione. Trovo sterili e strumentali le accuse che mi sono state rivolte negli ultimi giorni. Le polemiche hanno interessato più l’aspetto personale che quello politico della vicenda.  Entrando nel merito della sua domanda, tutti i documenti prodotti fino ad oggi dai coordinatori cittadini del centrodestra sono perfettamente coerenti e mi trovano in linea con le modalità proposte per l’individuazione del candidato a sindaco.

Eppure è stato additato di essere divisivo…

Non è affatto così, mi risulta il contrario.  La mia candidatura parte dal basso, da Giugliano. Infatti, le prime richieste di un impegno sono pervenute da tantissimi concittadini, esponenti politici e movimenti civici. L’unità dei partiti, d’altronde, è stata anche ratificata con dei documenti inviati ai coordinamenti provinciali. 

Allora oggi possiamo dire che lei ufficialmente ha dato la disponibilità a candidarsi quale candidato sindaco?

Dopo aver incontrato i vertici provinciali e regionali di Forza Italia ho dato la mia disponibilità. La condizione inderogabile posta è che la politica ritorni ad essere protagonista nel nostro territorio e non ci siano ambiguità. A Giugliano, per troppo tempo, ci sono state condizioni in cui l’agibilità politica è stata messa da parte. I miei interlocutori dovranno essere unicamente i coordinatori dei partiti politici ed i responsabili delle Civiche e non i singoli soggetti.