Tra Gomorra e realtà, Giuseppe Avitabile ispirato al boss Michele Senese

Avitabile Michele Senese boss camorra gomorra
A sinistra Michele Senese, a destra il personaggio di Gomorra Giuseppe Avitabile

Tra Gomorra e realtà, il personaggio di Giuseppe Avitabile sarebbe ispirato al boss Michele Senese. Da settimane sono in corso le riprese della quinta di stagione della serie-tv Sky, ultimo capitolo che dovrebbe portare all’epilogo della vicenda criminale di Genny Savastano. Il figlio di Pietro potrà contare sull’appoggio dell’amico Ciro Di Marzio e dell’enigmatica figura de Il Maestrale. Nel finale del film L’Immortale il giovane boss, infatti, ha rincontrato l’assassino dei suoi genitori proprio nel finale.

Gennaro, ormai braccato dal magistrato Walter Ruggieri, è costretto ad iniziare la latitanza dopo gli omicidi di Patrizia e degli zii Levante. Non è la prima volta che Savastano chiede aiuto a Ciro. Nella terza stagione Genny ha tentato di escludere dagli affari Giuseppe Avitabile, lo spietato boss napoletano trapiantato a Roma e padre della moglie Azzurra. Lo scontro tra i due si è risolto con la morte dell’anziano camorrista ‘in trasferta’ nella città capitolina. Il personaggio di Avitabile sarebbe stato ispirato al boss a Michele ‘o Pazz.

MICHELE SENESE, TRA GOMORRA E REALTA’ 

Il profilo criminale di Michele Senese è emerso nelle recenti inchieste che hanno portato dietro le sbarre i vertici della camorra romana. La Procura di Roma, la Guardia di Finanza e l’Arma dei Carabinieri hanno portato alla luce gli affari dei napoletani nella Capitale. Il boss è attualmente detenuto nel carcere Catanzaro, dove sta scontando una condanna come mandante dell’omicidio del boss della Maranella Giuseppe Carlino.

Il gruppo Senese, di origini napoletane, è storicamente legato al clan Moccia di Afragola. Però si è insediato a Roma dagli anni ’80, dove si è affermato tra le più influenti realtà criminali capitoline. Il suo clan è principalmente coinvolto dalla gestione delle piazze di spaccio di droga al riciclaggio.

Nel tempo quest’organizzazione ha aumentato, quindi, il potere criminale ed economico, agevolando la persistenza e la pervasività dell’associazione mafiosa. Così la famiglia Senese ha costituito un sistema criminale organico, strutturato e collaudato. Anche durante il periodo di detenzione Senese continuava a gestire le attività illecite della famiglia.

LE INCHIESTE CONTRO IL CLAN SENESE

Il boss Senese creò la ‘camorra romana’, da chi è composto il clan di Michele ‘o Pazz

Tentacoli della camorra a Roma e nel Nord Italia, 28 arresti contro il clan Senese

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.