Violenta grandinata al Nord, chicchi grandi come palline da tennis. Sono un centinaio gli interventi operati dai Vigili del fuoco del Comando provinciale di Pordenone e dei tre distaccamenti per tutta la giornata di ieri e fino a stamani per la fitta grandinata che ha colpito, ieri mattina, la zona a cavallo tra Fiume Veneto e Azzano Decimo. Interessati marginalmente anche Chions, Pasiano e San Vito al Tagliamento. Numerose sono state le auto con i vetri in frantumi e svariati i tetti dei capannoni (e di abitazioni) letteralmente “bucati” dalla tempesta, i cui chicchi erano grandi come palline da tennis.

Non si registrano feriti, anche se una persona che stava sistemando il tetto è scivolata ed è stata soccorsa e trasportata in ospedale. La Coldiretti provinciale ha lanciato l’allarme per gli ingenti danni causati a numerose colture presenti in zona. Nelle prossime ore ci sarà un bilancio più preciso.

QUESTIONE GRANDINATA

Sulla questione è intervenuto anche il presidente del Consiglio Regionale Fvg, Piero Mauro Zanin: “Esprimo tutta la mia solidarietà e vicinanza agli amministratori dei Comuni del Pordenonese e ai tanti cittadini che hanno subìto gravi danni a causa del maltempo. La Regione – assicura Zanin – è al fianco dei Comuni colpiti e saprà certamente individuare le misure più idonee per affrontare la situazione di emergenza”.
Le condizioni meteo avverse hanno anche consigliato il rinvio delle attività dimostrative delle moto d’acqua della Questura di Trieste, in programma ieri pomeriggio. L’evento è stato rinviato all’8 agosto, per essere poi replicato domenica 14 , nello specchio d’acqua antistante lo stabilimento balneare Castelreggio. Le dimostrazioni hanno lo scopo di evidenziare le potenzialità dei mezzi e l’utilizzo degli stessi durante simulazioni di soccorso a mare, combinate e coordinate con gli assistenti bagnanti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.