“Grazie a Don Michele Barone sento la Madonna”, la testimonianza della veggente

Don Michele Barone ha fatto solo del bene” – ha dichiarato la piccola ‘veggente’ di Casapesenna. La ventenne ha testimoniato in aula riguardo alla sua esperienza mistica, del suo rapporto con Dio e delle sue visioni che, secondo le sue adepte, le avrebbero consentito di parlare con la voce della Madonna. Barone avrebbe liberato la giovane dal diavolo nel giorno dell’Immacolata.

“Parlavo con la voce della Madonna”

Le visioni, come ha confermato il padre della ragazza al banco dei testimoni, sarebbero andate avanti anche dopo l’arresto del sacerdote aversano. Maria non aveva ancora compiuto la maggiore età quando fu affidata a Michele Barone, accusato di spacciare per esorcismi i suoi abusi su minori e la violenza sessuale su due ventenni. La giovane di Casapesenna era tra le giovani indemoniate affidate al prete. Maria ha raccontato un’esperienza tutt’altro che traumatica, a differenza delle altre ragazze. Don Michele l’avrebbe liberata dal demonio, dopodichè sarebbe diventata un tramite della Madonna, come hanno confermato i fedeli. La Vergine Maria avrebbe usato la ventenne per comunicare con i devoti della cappella al momento sotto sequestro. “Dopo che la Madonna faceva il discernimento io uscivo dal mio corpo e vedevo me parlare con la voce di altre persone”. 

La difesa di Don Barone

Stando alla testimonianza di Maria, in aula ieri a Santa Maria Capua Vetere, Don Michele rappresentava un vero punto di riferimento per i suoi adepti prima dello scandalo. Barone sarebbe, secondo la ragazza, vittima di una congiura, tanto che a denunciarlo è stata la sorella della minorenne, la stessa che l’aveva portata da lui.
Oltre a Maria, decine di fedeli sostengono ancora Barone e a turno si presentano in Tribunale con corone e crocefissi per pregare a difesa del sacerdote durante le udienze.

“Solo esorcismi, senza violenza”

Ieri al banco dei testimoni anche una zia della vittima minorenne.  In aula è stato mostrato alla donna un filmato in cui il prete trattiene per i capelli una delle ragazzine, ma ha confermato di aver assistito solo ad esorcismi, mai ad atti di violenza.