Dramma nel carcere campano, il rapper Jhonny Cirillo si toglie la vita

giovanni cirillo jhonny cirillo
La foto di Giovanni Cirillo, alias Jhonny Cirillo

Tragedia nel carcere campano, Giovanni Cirillo si toglie la vita. Ieri il cadavere del 23enne è stato trovato nella cella del carcere di Fuorni. La Procura di Salerno ha aperto un’inchiesta sulla morte del giovane di Scafati e ha delegato le indagini alla polizia penitenziaria.

Inizialmente Cirillo è stato soccorso dai medici e dagli agenti dopo l’allarme lanciato dai due compagni di cella. La salma del giovane veniva trasferita all’obitorio mentre la polizia scientifica effettuava i rilievi del caso.

Il 23enne di origini somale era noto nel mondo della musica come Johnny Cirillo, purtroppo il suo nome è finito anche al centro della cronaca. Lo scorso gennaio proprio il musicista è stato arrestato dopo una rapina condotta in una farmacia a Scafati.

Ieri Don Peppino De Luca lo ricordava con un post su Facebook: “Ed ora silenzio! Giovanni Cirillo non è più! È il tempo del silenzio sui social e sui giornali! Come è morto? lo abbiamo ucciso noi. Ogni volta che lo abbiamo giudicato per il colore della sua pelle; lo abbiamo giudicato per le sue azioni dimenticando la sua malattia; ogni volta che è stato indicato sui giornali come il “rapper della rapina” dimenticando il dolore della famiglia. Ad Angela ed Antonello la nostra stima e il nostro abbraccio: avete fatto di tutto! Lo avete partorito decine di volte. Ora è nelle mani di Dio. Giovanni Cirillo. Figlio nostro“.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.