Agguato al Don Guanella, Covelli picchiato e ferito da colpi di pistola

Agguato al Don Guanella, Covelli picchiato e ferito da colpi di pistola
Agguato al Don Guanella, Covelli picchiato e ferito da colpi di pistola
Ha dichiarato di essere stato avvicinato da quattro persone in sella a due ciclomotori. Cercavano qualcuno ma non lui. E così dopo averlo picchiato con calci e pugni hanno esploso nei suoi confronti un colpo alla gamba. Vittima Fabio Covelli, 32enne della zona, imparentato con Luca Covelli, il pentito che con le sue dichiarazioni ha inchiodato il gruppo di ‘Abbasc Miano’. L’episodio è avvenuto in via Don Luigi Guanella. Covelli si è poi fatto medicare presso l’ospedale del Mare.
Dubbi sull’agguato a Fabio Covelli
C’è però più di un dubbio sulla sua versione. Gli uomini del commissariato Scampia (guidati da Giovanni Bruno Mandato) intervenuti sul posto non hanno trovato alcun bossolo nè tracce ematiche. Quel che è accertato è lo stato di tensione crescente tra le due parti contrapposte che si contendono Miano e il Don Guanella. Secondo le ultime informativa un lato i Cifrone dall’altra i parenti di coloro che nei mesi scorsi volevano prendere il posto dei giovani ras arrestati nel maxi blitz di qualche mese fa.

Tensione a Napoli, spari a Secondigliano

Quello ai danni di Covelli è solo l’ultimo fatto di sangue. Intfatti sono ancora in corso le indagini per ricostruire la dinamica di un ferimento avvenuto nel quartiere di Secondigliano. Lo scorso 25 luglio, un pregiudicato si è recato all’ospedale San Giuliano di Giugliano con una ferita al gluteo. L’uomo sarebbe stato colpito da un proiettile durante un tentativo di rapina, ma il racconto non convince le forze dell’ordine che si stanno occupando della vicenda. Secondo quanto raccontato dall’uomo, sarebbe stato avvicinato in via Cupa Cesarea, a Miano, da due persone in sella ad una moto. I due avrebbero esploso un colpo di pistola in seguito al rifiuto della vittima di consegnare il Rolex indossato al polso. Poi la corsa in ospedale. 

 

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.