Kobe Bryant, la stella dell’Nba che amava Maradona e aveva Napoli nel cuore

Si è svegliato ancora sotto choc il mondo dello sport per la morte di Kobe Bryant, ex cestista di 41 anni, deceduto in un incidente con l’elicottero in California a seguito del quale è morta anche la figlia Gianna Maria, di soli 13 anni. In tutto le persone che hanno perso la vita nello schianto sono state 4, compreso il pilota.

Kobe Bryant verrà ricordato da tutti come uno dei giocatori più forti della storia dell’Nba, avendo scritto la storia del basket mondiale, nonché quella dei Los Angeles Lakers, uno dei club più iconici al mondo.

‘Black Mamba’, come era da tutti conosciuto, aveva un rapporto molto stretto con l’Italia, avendoci vissuto dai 6 ai 13 anni d’età. Il padre infatti era un giocatore di basket professionista, e nell’84 si trasferì nel nostro paese per vestire le maglie di Reggio Calabria, Rieti, Pistoia e Reggio Emilia.

Strettissimo anche il filo che legava Kobe Bryant a Napoli. L’ex cestista è stato infatti spesso immortalato insieme alla famiglia nelle acque del golfo e lui stesso, in alcune interviste rilasciate in passato, aveva dichiarato che in seguito ai suoi trascorsi in Italia durante l’infanzia, aveva anche avuto modo di apprezzare Diego Armando Maradona con la maglia 10 del Napoli degli scudetti e della Coppa UEFA. El Pibe de Oro ha voluto ricordarlo così sui social: “Se van todos los buenos. Hasta la vista, leyenda”.

Su Facebook, riporta ‘Napoli Fan Page’, giornalisti esperti di sport ricordano che Joe, il padre di Kobe Bryant, venne più volte a giocare al Mario Argento di Fuorigrotta. In quelle occasioni padre e figlio colpirono per la loro umiltà e disponibilità sia coi giornalisti che con i tifosi.