La camorra ad Arzano sfida nuovamente lo Stato, occupato alloggio nella 167
La camorra ad Arzano sfida nuovamente lo Stato, occupato alloggio nella 167

La camorra ad Arzano sfida nuovamente lo Stato: occupato illegalmente alloggio nel rione della 167 di via Colombo. La scoperta dopo le indagini della Polizia locale. Nemmeno il tempo di abbattere gli abusi edilizi che da decenni facevano bella mostra di se ad emblema del fallimento della politica che alcuni soggetti, stretti parenti di un pezzo da novanta del clan della 167, avrebbero occupato illegalmente un appartamento al secondo piano dell’agglomerato urbano nella stessa scala dove vi sarebbero anche gli alloggi del boss Giuseppe Monfregolo attualmente detenuto.

L’appartamento, momentaneamente libero ma assegnato ad una vedova 60enne, sarebbe stato occupato dai familiari di un ras locale fino a qualche tempo fa sottoposto anche alla sorveglianza speciale e imparentato con i dimoranti dell’appartamento abusivo abbattuto appena qualche settimana fa. La scoperta dei caschi bianchi agli ordini del comandante Biagio Chiariello, sarebbe avvenuta a seguito di ulteriori interventi di ripristino della legalità nella zona con l’abbattimento di barriere istallate presumibilmente a protezione degli esponenti del clan e presumibilmente istallate per lo spaccio di droga.

Durante il sopralluogo, gli agenti avrebbero riscontrato la presenza nell’alloggio della convivente del ras con un minore. Ovviamente la locale ha immediatamente provveduto all’identificazione, denuncia penale e comunicazione all’Acer Campania che è obbligata a provvedere alla sfratto coatto.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.