Napoli capitale dell’arte e della cultura, eventi e mostre in programma sabato e domenica

Sarà Un weekend all’insegna dell’arte e della cultura quello che si appresta a vivere la città di Napoli. Il capoluogo campano ospiterà, infatti, il Piano City Napoli e NapoliCittàLibro. Ma non sono gli unici appuntamenti da non perdere, come ricorda Sky Tg 24.

Mostre ed eventi che inaugurano a Napoli questa settimana

Piano City Napoli 2019

Le note del pianoforte risuoneranno per tre giorni, da venerdì 5 a domenica 7 aprile, in ogni angolo della città partenopea in occasione di Piano City Napoli 2019. In programma concerti, eventi e appuntamenti nei salotti delle case napoletane (House Concert) e nei più bei luoghi storici: musei, palazzi antichi, biblioteche, metropolitane, aeroporto, scalinate e piazze. La location principale, il Castel Nuovo, anche noto come Maschio Angioino, ospiterà gratuitamente, sabato 6 e domenica 7 la maggior parte degli eventi negli spazi dell’Antisala e della Sala dei Baroni, Sala della loggia e nel Corridoio dell’Armeria.

NapoliCittàLibro

Dal 4 al 7 aprile, torna nel capoluogo campano la seconda edizione del Salone del Libro e dell’Editoria di Napoli, che porta i libri nella suggestiva sede di Castel Sant’Elmo, la fortezza patrimonio mondiale UNESCO, al Vomero. Il tema al centro della kermesse letteraria è “Approdi. La cultura è un porto sicuro”: un riferimento all’attualità e alla riaffermazione della cultura come àncora ben salda per la comprensione del presente e riparo dalle tempeste della disinformazione e dai moderni canti di Sirena. Tante le conferenze, le presentazioni e i dibattiti in calendario a cui prenderanno parte numerosi scrittori e non solo.

“Scene da un matrimonio” al Teatro Stabile

Andrei Konchalovsky firma la sua seconda regia italiana per lo Stabile di Napoli, affrontando uno dei lavori più noti di Ingmar Bergman, “Scene da un matrimonio”. In scena al Mercadante, fino al 14 aprile, il non detto di Marianne e Johan, una coppia apparentemente felice, che finisce per esplodere con violenza in seguito alla decisione di lui di abbandonare moglie e figlie per una studentessa. Con Julia Vysotskaya e Federico Vanni.

Mostre ed eventi in corso a Napoli ad aprile 2019

“Oro Rosso” di Jan Fabre a Capodimonte

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte, fino al 15 settembre, ospita la mostra “Oro Rosso. Sculture d’oro e corallo, disegni di sangue” dell’artista belga di fama mondiale Jan Fabre, che torna a Napoli con un nuovo progetto che coinvolge anche altri tre luoghi di grande prestigio: la chiesa del Pio Monte della Misericordia, il Museo Madre e la galleria Studio Trisorio. Al Museo e Real Bosco di Capodimonte, l’artista espone un gruppo di lavori in dialogo con una selezione speciale di opere d’arte provenienti dalla collezione permanente del museo e da altre istituzioni museali napoletane. L’esposizione, curata da Stefano Causa insieme a Blandine Gwizdala, vede sculture in oro e disegni di sangue creati dall’artista dagli anni Settanta a oggi, oltre a una serie inedita e sorprendente di sculture in corallo rosso, realizzata appositamente per Capodimonte.

“Canova e l’antico” al Mann

Il Mann, Museo Archeologico Nazionale, rende omaggio a uno dei più grandi scultori italiani con la mostra evento “Canova e l’antico”, visitabile fino al 30 giugno. L’arte sublime del maestro veneto, con la sua capacità di rifarsi ai modelli classici rinnovando l’Antico guardando alla natura, viene indagata attraverso oltre 110 lavori, tra cui 12 straordinari marmi, grandi modelli e calchi in gesso, bassorilievi, modellini in gesso e terracotta, disegni, dipinti. Il museo è aperto tutti i giorni, tranne il martedì, dalla 9 alle 19.30.

“Muhammad Ali” al PAN

Il PAN – Palazzo delle Arti di Napoli accoglie “Muhammad Ali”, la mostra che, in 100 foto, racconta la carriera e la vita del “re del mondo”. L’esposizione, aperta fino al 16 giugno, è curata da Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi. Attraverso i “doni” che Ali ha offerto agli appassionati di boxe, al linguaggio, alla dignità umana, ai compagni di viaggio, ai bambini, al coraggio, alla memoria, il percorso racconta l’atleta e l’uomo, un personaggio capace di combattere sul ring ma anche per i diritti civili. Orari: lunedì – domenica dalle 9.30 alle 19.30; martedì chiuso.

Ernest Pignon-Ernest al Complesso museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco

L’artista francese Ernest Pignon-Ernest torna a esporre le proprie opere nella città partenopea. L’esposizione EXTASES è stata allestita al Complesso museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, nel cuore del capoluogo campano, ed è aperta fino al 28 aprile. Protagoniste della rassegna, otto figure di donne tra le più grandi mistiche del cristianesimo, ospitate nel suggestivo ipogeo, che sono ritratte nel momento intimo dell’estasi. Orari a marzo: da lunedì al venerdì e la domenica dalle 10 alle 14, il sabato dalle 10 alle 17.

Escher al Palazzo delle Arti di Napoli

Fino al 22 aprile le sale del PAN – Palazzo delle Arti di Napoli ospitano la grande retrospettiva “Escher”, evento espositivo che negli ultimi anni ha battuto ogni record di visitatori. I visitatori potranno non solo ammirare le oltre 200 opere del visionario genio olandese, ma anche scoprire l’influenza che il suo lavoro ha avuto sulle generazioni successive, dai dischi ai fumetti, dalla pubblicità al cinema. L’esposizione è curata da Mark Veldhuysen e da Federico Giudiceandrea. In mostra alcune delle opere più iconiche dell’artista come ‘Relatività’, del 1953, ‘Vincolo d’unione’, del 1956, ‘Metamorfosi II’ del 1939 e ‘Giorno e notte’ del 1938.

Chagall alla Basilica della Pietrasanta

Fino al 30 aprile la Basilica della Pietrasanta – Lapis Museum di Napoli ospita “Chagall. Un sogno d’amore”, mostra che in 150 opere racconta la vita, il percorso e in particolare il sentimento del grande artista russo per la sua amatissima moglie Bella. Tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni, anche un nucleo di opere rare provenienti da collezioni private. Curata da Dolores Duràn Ucar, l’esposizione è un viaggio nel mondo ricco di stupore e meraviglia di Chagall (1887-1985), dai ricordi d’infanzia intrisi nella tradizione russa alle fiabe, tra poesia, religione e guerra, in un universo di sogni dai colori vivaci, di sfumature intense che danno vita a paesaggi e personaggi fantasiosi, sempre al confine tra realtà e sogno. C’è anche una ‘dream room’ dove le opere di Chagall avvolgono il visitatore. Orari: tutti i giorni 10.00 – 20.00.

Mostre da non perdere nel resto della Campania