Napoli, chef colpito col fucile: ha partecipato a Masterchef

Ferito ieri sera a colpi di fucile caricato a pallini e senza motivo un giovane chef originario del Mali ed ex concorrente di Masterchef. E’ accaduto poco
dopo la mezzanotte di ieri al corso Umberto. Il ferito si chiama Bouyagui Konate, ha 22 anni e vive in Italia da 4 anni. Noto per la partecipazione a Masterchef. Il giovane è
stato centrato da una scarica di pallini esplosi da alcuni giovani che si trovavano in un’auto e che lo hanno avvicinato mentre
tornava a casa dopo il lavoro lungo il corso Umberto a Napoli. Il giovane chef è stato centrato all’addome e al braccio. E’ stato
poi trasportato all’ospedale Loreto Mare dove i medici gli hanno estratto i pallini e lo hanno medicato e giudicato guaribile in 10
giorni.

Le indagini

Sull’episodio stanno indagando le forze dell’ordine che hanno acquisito i filmati delle telecamere di video sorveglianza pubbliche e anche quelle private della zona per risalire agli autori del gesto a sfondo razziale. Bouyagui Konate, è un giovane molto noto nella comunità dei migranti ma anche tra i giovani napoletani. Ha un regolare permesso di soggiorno e fa lo chef, famoso per la sua partecipazione a Masterchef . Di recente ha aperto il ristorante multietnico Kikana, gestito insieme ad altri rifugiati e richiedenti asilo provenienti da diversi Paesi dell’Africa. Bouyagui a febbraio aveva portato la sua storia d’integrazione e la sua cucina etnica nel talent
show Masterchef, in onda sui canali Sky, preparando dei piatti da far replicare agli aspiranti chef del programma di cucina. La notizia del suo ferimento ha destato molto scalpore e sta facendo il giro dei socia

LA DENUNCIA DI POTERE AL POPOLO

Ieri verso mezzanotte a Napoli, un’auto si accosta a Bouyagui, il ragazzo in foto che da sempre ci aiuta con il movimento migranti all’ Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo. Un compagno oltre che un ragazzo socievole e pieno di entusiasmo per affrontare una battaglia difficile come quella contro il razzismo.

Ieri l’ex concorrente di Masterchef  stava tornando a casa da lavoro, come ogni sera. Ma questa volta è stato diverso. Dal finestrino spunta la canna di un fucile che gli esplode un paio di colpi contro. Uno di questi gli raggiunge l’addome. L’auto fugge nella notte. Bouyagui rimane a terra. Chiama gli amici che lo portano prima a casa e poi all’ospedale. Bouyangui ora è tornato a casa ma in forte stato di shock.
Fortunatamente si trattava di un fucile a pallini che gli ha provocato una contusione.

Il clima nel paese ed in città è torrido, addirittura c’è qualcuno che si diverte a simulare le esecuzioni dei neri. “manco fossimo in Libia!” dicono i ragazzi amici di Bouyagui.

Bouyagui è un ragazzo arrivato giovanissimo in italia, è stato accolto dallo sprar di Napoli “Less- ONLUS” e dopo essere stato riconosciuto meritevole di protezione, ha cominciato subito a lavorare come cuoco. Oggi gestisce un ristorante di cucina africana “Kikana” e qualche mese fa è stato anche ospite in tv ad una puntata di MasterChef!