vincenzino neonato santobono

“Vincenzino respira da solo”, buone notizia dall’ospedale Santobono. Il sindaco di Portici ha dato nuovi aggiornamenti sulla salute del bimbo ustionato. “Il prof. Antonino Di Toro, primario della Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Santobono (La Fabbrica dei Miracoli) mi ha dato notizie sulle condizioni cliniche del piccolo che continuano gradualmente a segnare miglioramenti. Vincenzo respira da solo ed è stato estubato. Ieri il Chirugo Plastico Neonatale ha effettuato una verifica sulle lesioni da ustioni ed ha fatto una medicazione estesa del rivestimento di cute artificiale riscontrando buone condizioni”.

“A nome della nostra Citta’ e di voi tutti la settimana scorsa Vincenzo ha ricevuto il suo primo regalo, un carillon da culla che è stato consegnato al Prof.De Toro e sistemato a fianco dell’incubatrice. Vincenzo è un vesuviano ed accanto al carillon non poteva mancare la foto del nostro splendido vulcano”, ha scritto sulla sua pagina Facebook il sindaco Cuomo.

LA STORIA FAMILIARE DI VINCENZINO

Alessandra Terracciano, la madre 36enne del neonato di Portici, scelse di avvalersi della facoltà di non rispondere. Davanti al gip Maria Rosaria Aufieri, infatti, la donna non ha voluto professare parola.

Stando a quanto riportato da Il Mattino, nella mattinata svolse l’interrogatorio di garanzia nel carcere femminile di Pozzuoli. La madre del piccolo decise di rilasciare alcuni dichiarazioni spontanee. La donna , infatti, volle ricostruire alcuni aspetti relativi al rapporto che aveva con il padre del neonato, Concetto Bocchetti, 46 anni, anche lui indagato e ora a Poggioreale.

La donna ha mostrato i segni sulle braccia del giudice, probabilmente causati dalle violenze subite dal compagno. Al momento, la 36enne è convinta che il bambino stia bene e chi si trovi in una incubatrice e non in terapia intensiva.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.