“Non siamo Gomorra”, a Scampia scritte e striscioni contro la serie di Saviano

‘No a Gomorra”, “non siamo Gomorra”. Sono i due potenti messaggi, inequivocabili, che campeggiano su alcune facciate delle Vele di Scampia, per tanti simbolo di camorra e degrado, e in altre aree del quartiere a Nord di Napoli. Le scritte, realizzate con alcune bombolette spray, sono una risposta piccata alla messa in onda su Sky in queste settimane della quarta stagione della fiction nata dal fortunato best seller di Roberto Saviano. La netta contrarietà di una parte della cittadinanza rievoca le polemiche che emersero nel periodo in cui la troupe girò a Scampia le scene della prima serie della saga che tratta molte delle vicende di  camorra partenopea a partire dalla faida che insanguino’ buona parte dell’area settentrionale di Napoli 15 anni fa. “Non sappiamo realmente chi ha realizzato le scritte, ma siamo contenti perché qualcuno ricorda come qui a Scampia c’è tanto altro”, afferma un abitante delle Vele. Oltre a “No Gomorra” e “Non siamo Gomorra” è stata realizzata sempre sulle facciate delle Vele un’altra scritta: “Scampia mica è una pu…”‘