Nuovo ospedale in 10 giorni a Milano, ma è polemica per l’assembramento all’inaugurazione

E’ stato inaugurato il nuovo ospedale in Fiera a Milano, struttura realizzata a tempo di record per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Previsti a regime 200 posti di terapia intensiva. “Sarà il simbolo della battaglia vinta sul Covid-19”, ha spiegato il governatore Fontana.

 

La cerimonia di inaugurazione – a cui hanno partecipato anche il presidente della Lombardia Attilio Fontana e l’assessore al Welfare Giulio Gallera – è stata però criticata per il modo in cui è stata gestita la conferenza stampa, a cui hanno partecipato decine di giornalisti, fotografi, cameraman e altri addetti ai lavori. Qualcuno ha criticato l’opportunità stessa di tenere una conferenza stampa dal vivo invece che in videoconferenza, altri sostengono che all’evento abbiano partecipato troppe persone e che non siano state rispettare le distanze di sicurezza imposte dal governo per limitare la diffusione del virus.

Da quanto ha potuto verificare, perògli organizzatori della conferenza avevano preso diverse precauzioni: all’ingresso della sala è stata provata la febbre a tutte le persone che entravano, erano presenti vari distributori di disinfettante per le mani, e le sedie riservate ai giornalisti erano ben distanziate fra loro (cosa che non si nota dalle foto e dai video circolati sui social network).