“Quell’incontro tra Di Lauro e i Grimaldi di San Pietro a Patierno”, i verbali del pentito Tamburrino

C’è anche la storia di un incontro tra Salvatore Di Lauro e i Grimaldi di San Pietro a Patierno nei verbali rilasciati ai magistrati dal superpentito Salvatore Tamburrino, vera ‘voce di dentro’ del sistema criminale della cosca di Secondigliano. Tamburrino ha passato in rassegna ruoli e mansioni di circa 149 profili soffermandosi anche sulle attività effettuate per il clan da Salvatore Di Lauro:

“….aprì un circoletto in via Monte Nero a Secondigliano e lì la paranza di Salvatore Di Lauro spacciava a telefonino hashish e marijuana. Il figlio di Bombolone (Carmine Grimaldi), capo di San Pietro a Patierno, mandò qualcuno dei suoi, tale Rafaniello, a prelevare…. perchè voleva spiegazioni perchè vendeva o faceva vendere droga in una zona loro. Poi Salvatore Di Lauro, cui…., si era rivolto andò a parlare con il figlio di Bombolone e gli disse che solo lui poteva dargli spiegazioni perchè aveva autorizzato ad aprire una piazza di spaccio al telefonino”.