Fabrizio Corona su tutte le furie
Fabrizio Corona su tutte le furie

Momenti di tensione sotto casa di Fabrizio Corona, c’è stato uno scontro on gli agenti della polizia quando sono andati sotto la sua abitazione per prelevarflo e portarlo in carcere. Corona torna in cella in seguito all’esecuzione della decisione del Tribunale di Sorveglianza che ha stabilito la revoca dei domiciliari. Le scene sono state riprese nelle stories Instagram da qualcuno che ha in mano le credenziali del suo profilo ufficiale. Si vede l’ex “fotografo dei vip” urlare contro gli agenti e gridare ad un funzionario di polizia: «Chi ha il mio cellulare?». Di fianco, l’avvocato Ivano Chiesa insieme ad altre persone che cercano di calmarlo. In un secondo video, ormai ammanettato, l’ex re dei paparazzi è a terra, rifiutando di alzarsi. In sottofondo si sente la madre urlare «le manette, le manette». Oltre agli agenti anche i sanitari del 118 che tentano di visitarlo per poi caricarlo in ambulanza.

Corona revocati i domiciliari

I motivi della revoca, secondo l’avvocato di Corona, sarebbero “scarni e inconcludenti”. “Sono allibito, questa è una pagina tristissima della Giustizia italiana”, prosegue l’avvocato, “In altre occasioni Fabrizio aveva sbagliato e sono stato io il primo a dirglielo. Questa volta, davvero, non c’è ragione per farlo tornare in carcere”.

Proprio lunedì c’è stata l’ultima udienza, in cui Fabrizio ha pregato i giudici di non rimandarlo all’infernoAppresa la notizia stamane, Corona si è ferito i polsi in preda alla disperazione, mostrando le proprie ferite in video. Sopraggiunta un’ambulanza e le forze dell’ordine, nel caos il cellulare di Corona viene sequestrato da uno degli agenti. Corona reagisce e va su tutte le furie e viene braccato dagli agenti, prima di finire a terra dopo una colluttazione.

https://www.facebook.com/plugins/video.php?height=314&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FInterNapoli.it%2Fvideos%2F908977189855176%2F&show_text=true&width=560

di Irene Barbato

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.