“Dammi i soldi o ti sparo”, rapinatori arrestati ad Aversa: erano il terrore della Movida

Nell’ambito di un’attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli
Nord, i Carabinieri della Compagnia di Aversa (CE) hanno eseguito un’ordinanza di
applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio del G.I.P. del Tribunale
di Napoli Nord nei confronti di due giovani di 30 e 31 anni, entrambi residenti in Aversa
(CE), gravemente indiziati, in concorso tra loro, per due distinte rapine commesse nel
centro storico normanno in danno soggetti minorenni.

Il provvedimento scaturisce dalle immediate indagini avviate dai militari dell’Arma a seguito
di due rapine avvenute in Aversa, rispettivamente in data 03/07/2019 e 05/07/2019, l’una
in via Gaspare Virgilio, l’altra in piazza Cirillo, nelle strette vicinanze del Palazzo di
Giustizia, nel corso delle quali gli indagati, a bordo di uno scooter di colore bianco
sprovvisto di targa ed a volto scoperto, avvicinavano le vittime e mediante violenza,
consistita in strattoni e spinte, minacciando financo di sparargli, asportavano loro gli effetti
personali.

L’attività investigativa ha permesso di ricostruire a carico degli indagati un grave quadro
indiziario avvalorato dal GIP: in particolare l’analitica e dettagliata ricostruzione delle fasi
del delitto emersa dalle denunce sporte dalle parti offese oltre che dalle dichiarazioni
assunte dalle persona informate sui fatti, il riconoscimento da parte di una delle vittime e di
un testimone, il modus operandi pienamente sovrapponibile tra i due eventi, anche in
relazione al luogo ed all’orario di commissione (ora tarda e posto isolato) ed alla scelta
delle prede designate, ovvero coppie di giovanissimi particolarmente vulnerabili ed
incapaci di reagire prontamente.

Di particolare risalto, ai fini dell’immediata individuazione degli indagati da parte dei militari
dell’Arma, il dato secondo cui i malviventi espletavano abitualmente l’attività di
parcheggiatore abusivo nel cuore del centro storico normanno.