13.9 C
Napoli
martedì, Aprile 23, 2024
PUBBLICITÀ

Reddito di cittadinanza, si perderà anche rifiutando le offerte da privati

PUBBLICITÀ

Arriva una stretta al reddito di cittadinanza, nonostante, il voto contrario del M5S. Invece c’è stato il via libera del centrodestra e del Pd durante la notte alle commissioni della Camera. Dunque approvavate un emendamento del centrodestra al decreto Aiuti. Da oggi rifiutare un’offerta congrua a chiamata diretta da un datore di lavoro privato rientrerà nel calcolo dei rifiuti che possono costare dell’assegno.

La modifica è frutto di emendamenti identici riformulati presentati anche da Maurizio Lupi (Noi con l’Italia), Riccardo Zucconi (FdI), Rebecca Frassini (Lega), Paolo Zangrillo (FI), da Lucia Scanu e Manuela Gagliardi (Misto). Un emendamento quasi identico era stato presentato da Marialuisa Faro, passata nel frattempo da M5s a Ipf, che però lo ha ritirato. Il Pd ha votato a favore, allineandosi al parere del governo.

PUBBLICITÀ

LE OFFERTE CONGRUE DEL REDDITO DI CITTADINANZA E LA PERDITA DEL CONTRIBUTO

Dunque la norma prevede inoltre che il ministro del Lavoro debba definire con decreto le modalità di comunicazione e di verifica della mancata accettazione dell’offerta congrua. Dunque quest’ultime possono essere proposte “direttamente dai datori di lavoro privati” ai beneficiari che firmano il Patto per il lavoro in cui è previsto l’obbligo di accettarne almeno una di tre. Il datore di lavoro privato comunica quindi il rifiuto al centro per l’impiego ai fini della perdita del Reddito di Cittadinanza.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Checco e Lucia morti dopo un incidente a Napoli, i familiari: “Vogliamo giustizia”

I familiari di Kekko e Lucia chiedono giustizia per la morte dei due ragazzi avvenuta lo scorso settembre a...

Nella stessa categoria