22.9 C
Napoli
giovedì, Ottobre 6, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Rimosso tumore al cervello ad un 12enne, è rimasto sveglio durante le 5 ore di intervento


Un delicato intervento al Policlinico di Bari ha portato alla rimozione di un tumore al cervello di un bambino di 12 anni. Dalla grandezza di una pallina di ping pong, che colpiva le aree che interessano il linguaggio, il tumore è stato tolto mentre il ragazzo era cosciente. Il piccolo, raccontano i medici, ha risposto con precisione alle domande della neuropsicologa mentre veniva operato dai neurochirurghi. Per l’operazione è stata effettuata solo anestesia locale. È la prima volta che viene eseguita un’operazione di awake surgery su un paziente così piccolo d’età. La decisione era stata presa in precedenza dall’équipe di Neuro-Oncologia Pediatrica, coordinata dalla dottoressa Teresa Perillo, con il consenso della famiglia. L’intervento – eseguito da Francesco Signorelli, direttore dell’unità operativa di Neurochirurgia universitaria, – è durato 5 ore ed è andato a buon fine, senza alcun sviluppo di deficit nel minore.

Tumori, scoperto un algoritmo in grado di scovare quali cellule si potranno ammalare

Un nuovo algoritmo ha permesso di scoprire che diverse mutazioni genetiche tipiche del cancro sono già presenti in molte cellule ritenute sane localizzate nelle vicinanze di un tumore, consentendo d’individuare quelle che probabilmente si ammaleranno. Una vera e propria mappa genetica che potrebbe rivelarsi preziosa per effettuare diagnosi sempre più precoci e anche per decidere verso quale regione del tumore indirizzare i trattamenti, aumentandone l’efficacia. È stata messa a punto grazie ad uno studio pubblicato sulla rivista Nature e guidato dall’Università di Oxford e dall’Istituto Tecnologico Reale (Kth) di Stoccolma che, attraverso una tecnica innovativa, spiega come nascono, crescono e cambiano nel tempo le cellule malate.

Le attuali tecniche per studiare la genetica delle cellule all’interno dei tumori implicano il prelievo di un campione, in modo da effettuare un’analisi del Dna. Il punto debole di questo metodo è che fornisce solo un’istantanea parziale del tumore in esame. Per superare tale limite i ricercatori, guidati da Andrew Erickson dell’Università di Oxford e da Mengxiao He ed Emelie Berglund del Kth, hanno utilizzato una nuova tecnica che permette di vedere quali cambiamenti genetici avvengono all’interno delle cellule senza rompere il tessuto che si vuole esaminare. «Abbiamo ancora molto da imparare su quali cambiamenti cellulari causano il cancro e come questo ha inizio», ha spiegato Alastair Lamb di Oxford, co-autore dello studio. «Una cosa di cui siamo abbastanza sicuri è che tutto inizia con le mutazioni genetiche». Analizzando oltre 150 mila regioni provenienti da tumori della prostata, della mammella, della pelle e anche di linfonodi e cervello, i ricercatori hanno sviluppato un algoritmo che è in grado di tracciare gruppi di cellule con cambiamenti genetici simili e di localizzarne l’esatta posizione, ottenendo una vera e propria mappa genetica dei tumori.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Uccide la sorella nel sonno accoltellandola al cuore: “Flirtava con il mio ragazzo”

Scopre che la sorella flirta con il suo ragazzo e la accoltella nel sonno. Fatiha Marzan, 21 anni, ha...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria