Caos scuole nel Napoletano: in undici comuni rinviato il rientro in classe

Scuole chiuse
Scuole chiuse

Anche il comune di Torre Annunziata rinvia il rientro nelle scuole a lunedì 28 settembre. Dopo Massa Lubrense, Sorrento, Sant’Agnello, Piano di Sorrento, Meta, Santa Maria La Carità e Vico Equense, anche gli alunni e studenti torresi avranno 4 giorni di “vacanza” in più.

Posticipato a lunedì 28 settembre l’inizio delle attività didattiche per gli istituti scolastici di ogni ordine e grado presenti nel comune di Torre Annunziata. La decisione è stata assunta dal sindaco Vincenzo Ascione in seguito al numero crescente di contagi registrati nelle ultime ore sul territorio cittadino e ai rischi connessi alla diffusione del Covid-19 all’interno degli ambienti scolastici. 
“Inoltre – si legge nell’ordinanza a firma del primo cittadino –, l’utilizzo dei plessi quali sedi di seggi elettorali per le consultazioni referendarie e regionali del 20 e 21 settembre, impone – una volta concluse le operazioni di voto – un intervento accurato di igienizzazione e sanificazione degli edifici scolastici. Le misure sono intraprese al fine di garantire la ripresa dell’attività didattica in totale sicurezza per studenti, docenti e personale”.

A Torre del Greco si riparte ad ottobre

Apertura delle scuole a Torre del Greco posticipata al primo ottobre. Firmata dal sindaco Giovanni Palomba l’ordinanza con la quale si dispone il posticipo dell’avvio delle attività didattiche. Il provvedimento riguarda tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado del territorio comunale.
L’ordinanza – si legge dal testo – si è ”resa necessaria a seguito delle istanze rappresentate da diversi dirigenti scolastici, al fine di garantire il ripristino degli spazi didattici in modo da accogliere tutti gli alunni in condizione di sicurezza; nonchè, a seguito dell’ulteriore considerazione che il Ministero dell’Istruzione non ha ancora concluso la consegna degli arredi presso i relativi istituti territoriali”.

 

RINVIATA L’APERTURE DELLE SCUOLE ANCHE A BOSCOREALE

Ieri il sindaco Antonio Diplomatico ha deciso di rinviare l’apertura delle scuole di Boscoreale. Quindi gli istituti comprensivi Francesco Cangemi, Francesco Dati e Castaldi Rodari riapriranno il 28 settembre. “L’ordinanza si basa sulla necessità di effettuare le necessarie operazioni di disinfezione, al termine delle operazioni elettorali. In condizioni di sicurezza e nel rispetto delle norme igieniche vigenti, unitamente all’applicazione dei percorsi anti-Covid e alle prescrizioni previste dai protocolli”. Lo ha scritto Diplomatico sulla sua pagina Facebook.

IL CASO DI CASTELLAMMARE DI STABIA

Gaetano Cimmino ha rinviato l’inizio dell’anno scolastico a Castellammare. Secondo l’ordinanza firmata dal sindaco stabiese, gli studenti torneranno a scuola dal 1 ottobre.  “La prima campanella nelle scuole di Castellammare di Stabia suonerà il 1 ottobreHo firmato poco fa l’ordinanza per posticipare di una settimana l’inizio delle attività didattiche, a seguito dell’evolversi della situazione epidemiologica e dell’impennata dei contagi da Covid-19, allo scopo di consentire l’avvio delle lezioni in assoluta sicurezza con un’organizzazione logistica accurata in ogni minimo dettaglio” scrive Cimmino sulla sua pagina Facebook.