Pioggia di calcinacci alla galleria Umberto I, sei anni fa moriva Salvatore Giordano: «Avrà 14 anni per sempre»

Salvatore Giordano

Sei anni fa moriva Salvatore Giordano, colpito dai calcinacci nella galleria Umberto I di Napoli. Borrelli e Simioli:” Morì da eroe. Bisogna rendergli giustizia e onore”

Sono trascorsi sei anni dalla morte di Salvatore Giordano, il 14enne di Marano che fu colpito dalla caduta di calcinacci all’interno della Galleria Umberto I di Napoli il 5 luglio 2020.

Trasportato all’ospedale Loreto Mare il ragazzo morì a causa dello schiacciamento del torace e del grave trauma cranico subito.

“Sono passati sei anni eppure i genitori di Salvatore non solo non hanno avuto giustizia ma non hanno neanche mai ricevuto delle scuse. Anzi per quella vicenda si è continuato a fare lo scaricabarile. Ricordiamo che ancora oggi la situazione in galleria rimane invariata, con i lavori rimasti in sospeso e la presenza delle strutture di sostegno.

Oggi ricordiamo Salvatore affinché la sua morte non sia vana ma possa servire, e ci batteremo perché sia così, ad evitare altre tragedie a causa della scelleratezza e dell’irresponsabilità di chi dovrebbe mettere in sicurezza luoghi ed edifici pubblici. Salvatore morì da eroe, lui si accorse della caduta dei calcinacci e riuscì a spingere fuori i suoi amici ma per lui non ci fu scampo. Questo atto eroico dovrà essere ricordato sempre e gli si dovrà rendere onore e giustizia. “- hanno dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi-Europa verde Francesco Emilio Borrelli ed il conduttore radiofonico de La Radiazza Gianni Simioli.

Potrebbe interessarti anche

“La morte di nostro figlio non resti senza colpevoli”, la famiglia di Salvatore Giordano chiede giustizia

“Nostro figlio è stato lapidato, quando siamo arrivati in ospedale ci hanno detto che era in coma”, raccontano i genitori. Quel maledetto pomeriggio, il ragazzo si è accorto che si stavano staccando dei calcinacci: “Ha spinto un suo amico e ha fatto scudo all’altro. A loro ha salvato la vita, dice la mamma. “Un istante dopo si è staccato il rosone che lo ha colpito alla testa e al torace. Dopo 3 giorni è morto in ospedale”.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK