Spedizione punitiva dopo la rapina fallita, spari contro le vittime a Casoria

Spedizione punitiva finisce in sparatoria dopo la rapina fallita, 4 arresti a Casoria
Spedizione punitiva finisce in sparatoria dopo la rapina fallita, 4 arresti a Casoria

Falliscono la rapina e organizzano la spedizione punitiva contro le vittime. Quattro arresti dei Carabinieri di Casoria. I fatti risalgono al 5 giugno scorso. Le indagini sono partite dalla
denuncia sporta da due fratelli che ha consentito di identificare gli autori del tentativo di rapina dell’autovettura parcheggiata innanzi all’officina  dove lavorano i due.

La dinamica del tentativo di rapina a Casoria

Dopo il tentativo di rapina non andato a buon fine, i banditi tornarono sul posto a Casoria con una pistola, intimando alle vittime di non reagire più. Esplosero quindi due colpi di arma da fuoco cal. 9×21, non esitando a colpire le vittime con un arnese da lavoro trovato al suo interno e con il calcio della pistola. A seguito di ciò una delle vittime riportò lesioni personali giudicate guaribili in 10 giorni.

Le accuse ai soggetti

Ora sono tutti in carcere con l’accusa di tentata rapina in concorso, porto in luogo pubblico di arma comune da sparo, lesioni personali e minaccia. I fatti hanno fatto molto scalpore a Casoria.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.

Falliscono la rapina e organizzano la spedizione punitiva contro le vittime. Quattro arresti dei Carabinieri di Casoria. I fatti risalgono al 5 giugno scorso. Le indagini sono partite dalla 
 denuncia sporta da due fratelli che ha consentito di identificare gli autori del tentativo di rapina dell’autovettura parcheggiata innanzi all’officina  dove lavorano i due.

La dinamica del tentativo di rapina a Casoria

Dopo il tentativo di rapina non andato a buon fine, i banditi tornarono sul posto a Casoria con una pistola, intimando alle vittime di non reagire più. Esplosero quindi due colpi di arma da fuoco cal. 9×21, non esitando a colpire le vittime con un arnese da lavoro trovato al suo interno e con il calcio della pistola. A seguito di ciò una delle vittime riportò lesioni personali giudicate guaribili in 10 giorni.

Le accuse ai soggetti

Ora sono tutti in carcere con l’accusa di tentata rapina in concorso, porto in luogo pubblico di arma comune da sparo, lesioni personali e minaccia. I fatti hanno fatto molto scalpore a Casoria.