Incompatibilità con il regime carcerario. Con questa motivazione Giuseppe De Tommaso conosciuto come ‘Peppe l’assassino’ nonchè zio di Gennaro alias ‘Genny a Carogna’. Come riportato da Il Roma il 74enne narcos è infatti affetto da ben sette patologie: vasculopatia cerebrale cronica multi-infartuale, lesione del nervo radiale, cardiopatia ischemica, ateromasia carotidea, broncopatia cronica, calcoli alla vescica e prostata ingrandita. Per questo motivo, accogliendo l’istanza del difensore Roberto Saccomanno, il tribunale di Sorveglianza ha deciso di concedere al vecchio ras il beneficio degli arresti domiciliari nella sua Forcella. Tutto questo nonostante il 74enne qualche mese fa sia stato condannato a 18 anni di reclusione.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.