Tagliano le orecchie al cane per vincere il concorso di bellezza, parte il processo

taglio orecchie cabe

Con l’accusa di maltrattamento di animali, in particolare per aver cagionato lesioni senza necessità, si profila un processo per il padrone di un American Staffordshire Terrier e di un veterinario finiti sotto inchiesta a Milano per aver tagliato i lobi delle orecchie al cane apparentemente per una ragione sanitaria ma in realtà, secondo la Procura, per motivi estetici: gli esemplari con tale amputazione vietata dalla legge hanno buone chances di vincere i concorsi di bellezza. Il pm Mura Ripamonti ha, infatti, chiuso le indagini nei confronti del veterinario, con studio sui Navigli ma residente a Pavia e del padrone del cane, un avvocato di 36 anni milanese, in vista del rinvio a giudizio dei due per citazione diretta.