Ucciso alle Case celesti per l’agguato contro il nipote dei Marino, 4 ras restano dentro

Omicidio Nocerino, restano dentro Arcangelo Abbinante, Arcangelo Abete, Giovanni Esposito e Roberto Manganiello. Respinte le richieste dei loro avvocati da parte del tribunale del Riesame. I fatti risalgono al settembre del 2011 quando, al rione Monterosa, fu ucciso Ciro Nocerino. ll movente sarebbe stato indicato in un sospetto: quello che vedeva Nocerino in qualche modo coinvolto nel tentato omicidio di Roberto Manganiello, nipote dei Marino.  A distanza di tutti questi anni quattro persone sono state raggiunte, due settimane fa, da un provvedimento cautelare emesso giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (l’inchiesta è assegnata ai pm Maurizio De Marco e Vincenza Marra). La misura è stata eseguita dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli