25.3 C
Napoli
venerdì, Maggio 27, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

VILLARICCA. CAVA RICONTA AUTORIZZATA PER DECRETO


Il consiglio dei Ministri ha varato venerdì scorso, il Decreto Legge che autorizza l’apertura delle cave di Ariano Irpino, Tufino e Villaricca. Guido Bertolaso nella doppia veste di capo della Protezione civile e commissario straordinario per l’emergenza rifiuti, dopo le dimissioni del ex commissario straordinario Corrado Catenacci, sarà domani in Campania per una serie di sopralluoghi che dovrebbero condurlo anche alla cava Riconta di Villaricca. La nomina di Bertolaso è accompagnata da un provvedimento Ministeriale con pieni poteri, per riportare alla normalità la situazione in tempi brevi. I siti riattivati per far fronte all’emergenza, richiedono ancora tempo per iniziare ad accogliere l’enorme quantità di rifiuti accumulati nelle strade dei principali centri della Campania e soprattutto nella provincia di Napoli. Bertolaso potrà avvalersi di tutte le strutture operative del servizio nazionale della Protezione civile: vigili del fuoco, forze armate e volontari. Sarà riallestita la struttura commissariale, con la riduzione dell’organico, la nomina di tre nuovi sub-commissari, tra i quali uno dovrà possedere esperienza qualificata nel settore della raccolta differenziata, inoltre verrà creata una nuova commissione composta da esperti nella risoluzione di problemi di emergenza ambientale. È sospesa la procedura di gara avviata con l’ordinanza di agosto e nell’attesa di indire un nuovo bando, si procederà con affidamenti diretti anche a soggetti diversi dalle attuali affidatarie del servizio. Sono inoltre previsti nuovi stanziamenti per far fronte all’emergenza che graveranno sulla tariffa regionale di smaltimento rifiuti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Ras ucciso per un sospetto, ergastolo confermato per gli Abete-Abbinante

Un sospetto. Un semplice sospetto. Bastava poco per morire nella Secondigliano dilaniata dalle faide di camorra. E’ questo l’incipit...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria