Meteo. Rientro bollente per i vacanzieri, arriva la settima ondata di caldo dall’Africa

meteo ondata caldo

L’alta pressione, associata a un afflusso di aria calda proveniente dal Nord Africa, determinerà da questo fine settimana l’annunciata ondata di caldo, la sesta di questa stagione, con temperature destinate ad aumentare fino a lunedì, giornata in cui raggiungeremo il picco del caldo intenso. Le temperature, fino a 5-6 gradi oltre le medie stagionale per la fine di agosto, raggiungeranno massime diffusamente oltre i 32-33 gradi e con punte fino ai 36-38 gradi. Anche negli ultimi giorni del mese il caldo rimarrà intenso anche se con qualche lieve calo temporaneo al Nord e sul versante Adriatico. Come riporta Il Meteo.it con questa sostanziale assenza di precipitazioni la siccità rimane grave: almeno fino alla fine di agosto mese le poche piogge saranno associate solo a locali episodi di instabilità sulle Alpi.

Previsioni meteo per venerdì. Al mattino cielo ovunque sereno o poco nuvoloso. Nel pomeriggio nuvolosità in moderato aumento sui rilievi del Centro-Nord, con la possibilità di rovesci o temporali su Alpi orientali e Appennino abruzzese; sempre prevalenza di sole altrove. Temperature stabili o in lieve aumento, in particolare al Centro-Sud: valori quasi ovunque fra 30 e 34 gradi, con picchi attorno ai 35 gradi su medio Tirreno e in Sardegna. Venti moderati di Scirocco nel Canale di Sardegna con mare mosso. Altrove venti deboli a regime di brezza e mari calmi o poco mossi.

Previsioni meteo per sabato. Al mattino un po’ di nuvole in transito da ovest verso est sulle regioni settentrionali, in Toscana e Sardegna ma perlopiù sotto forma di modeste velature. Sole ancora più diffuso nel reso d’Italia. Nuvole un po’ più consistenti sulle Alpi dove, nel pomeriggio, sarà possibile anche qualche isolato rovescio o temporale tra Piemonte, Valle d’Aosta, est della Lombardia e Trentino-Alto Adige. Temperature massime in ulteriore lieve aumento, quasi ovunque comprese fra 30 e punte di 35-36 gradi possibili in Emilia, nelle zone interne del Centro e nell’ovest della Sardegna. Venti deboli e mari calmi.