ACQUA PUBBLICA: APPROVATA LA MORATORIA CONTRO LA PRIVATIZZAZIONE

Un banchetto di raccolta firme a Piazza Gramsci

E’ stato approvato il 1 giugno dalla Camera dei Deputati l’emendamento al Disegno di Legge Bersani contenente il provvedimento di moratoria sui processi di privatizzazione dell’acqua.
L’emendamento prevede che:«fino all’approvazione di una nuova normativa, in attuazione dei decreti correttivi del decreto ambientale, relativa alla gestione del servizio idrico integrato , siano sospesi tutti gli affidamenti a soggetti privati, compresi quelli attualmente in corso».
Il Parlamento, dunque, ha recepito quanto da tempo i movimenti per l’acqua chiedono, attraverso le mobilitazioni territoriali e la campagna nazionale di raccolta firme per una nuova legge d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua, inteso come bene comune e diritto umano universale.
L’approvazione della moratoria è stato, quindi, il frutto del lavoro svolto dal Forum dei Movimenti per l’Acqua che da gennaio scorso ha iniziato una campagna di raccolta firme, ormai giunta sopra le 300.000 e che si concluderà il 1 luglio, per chiedere che l’intero ciclo dell’acqua sia tolto dal mercato e restituito, come bene comune e risorsa da conservare, allo spazio pubblico e alle comunità locali per una gestione che sia pubblica e partecipativa. Il Forum dei Movimenti per l’Acqua è composto da più di 70 realtà nazionali e oltre 1000 adesioni territoriali impegnati nella raccolta di firme a sostegno delle legge di iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua.
Anche tutto l’hinterland di Napoli-nord ha contribuito alla raccolta delle firme. In questi sei mesi le più importanti piazze dei comuni di Giugliano, Qualiano, Villaricca, Melito, Mugnano hanno ospitato i banchetti organizzati dai partiti ed associazioni a sostegno della Lip.
Il provvedimento passerà ora all’esame del Senato, dove non è escluso, anche perché il ddl Bersani si occupa di molti argomenti, che possa subire modifiche, e quindi ritornare alla Camera per la definitiva approvazione. Alla manifestazione nazionale a sostegno della Lip, Padre Alex Zanotelli aveva detto:«Lasciateci almeno l’aria e l’acqua». Lassù qualcuno sembra averlo ascoltato.