17.5 C
Napoli
sabato, Giugno 15, 2024
PUBBLICITÀ

Affetto da grave malformazione e operato a 5 mesi al Policlinico di Napoli: Luigi avrà una vita normale

PUBBLICITÀ

Si chiama Luigi e a soli 5 mesi ha già combattuto e vinto la sua battaglia più importante, con la sua incredibile energia e i suoi splendidi occhi azzurri. Dopo 35 giorni presso la Chirurgia Pediatrica dell’Azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli, di cui è diventato mascotte d’eccezione, è finalmente tornato a casa.

Il piccolo paziente è stato operato per una malformazione congenita, l’estrofia vescicale, che colpisce 1 neonato ogni 30.000, compromettendo organi e apparati. Consiste in una rara malformazione dell’apparato urogenitale. Si tratta di un difetto di chiusura della parete addominale inferiore, che coinvolge anche le ossa del bacino. Ad accogliere e a prendersi cura di Luigi, l’equipe guidata dal professor Ciro Esposito, direttore della Chirurgia Pediatrica dell’AOU Federico II. Equipe composta dai dottori Maria Escolino, Mariapina Cerulo, Fulvia Del Conte, Vincenzo Coppola. Insieme, ovviamente, agli anestesisti Giuseppe Cortese, Giusy Faccioli e Loredana Grande, capitanati dal direttore dell’Anestesia e Rianimazione Giuseppe Servillo.

PUBBLICITÀ

L’intervento che ha salvato la vita al piccolo Luigi

L’intervento – spiega il professor Esposito – è durato oltre 8 ore. E’ consistito in una ricostruzione della parete vescicale, un reimpianto degli ureteri, una ricostruzione della parete addominale. Oltre alla ricostruzione di parte dell’apparato genitale ed un’osteotomia delle ossa pubiche, vale a dire un riallineamento delle ossa per fornire adeguato spazio alla vescica. Sono interventi estremamente complessi, e proprio per questo, abbiamo costituito in Italia un team di chirurghi pediatri esperti che, grazie ad una costante collaborazione, operano nelle diverse città italiane. Ringrazio il professor Paolo Caione dell’Ospedale Bambin Gesù di Roma, che ha collaborato con la nostra equipe per la realizzazione di questo intervento“.

A seguire, il piccolo Luigi ha dovuto trascorrere una lunga degenza nel reparto di Chirurgia Pediatrica e per favorire il consolidamento delle ossa del bacino ha avuto necessità di una costante assistenza dell’equipe medica e infermieristica e ha trascorso quasi un mese con le gambine fasciate verso l’alto, dimostrando un’incredibile pazienza e non perdendo mai l’occasione per giocare, anche solo con un sorriso, con il personale di reparto.

Non è la prima volta che presso la Chirurgia Pediatrica della Federico II si effettuano interventi di questo tipo. Individuata quale centro di riferimento regionale, di recente è stata identificata anche come Centro di Riferimento Europeo.

Grazie all’innovativa tecnologia che utilizziamo – conclude il professor Esposito – abbiamo potuto rispondere alle esigenze del piccolo Luigi e della sua famiglia, dimostrando ancora una volta di poter offrire in Campania cure di alta specialità e di avanguardia“.

Luigi, che continuerà ad essere periodicamente seguito dal team federiciano, è tornato a casa dalla sua famiglia e dalla sua sorellina maggiore, accompagnato dall’affetto di tutta l’equipe della Chirurgia Pediatrica che gli ha donato l’immancabile maglietta del Napoli per salutarlo e rendere omaggio alla sua grande forza e alla sua solarità.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Clan Marino, mazzata anche in appello per i ras delle Case celesti

Quasi un secolo di carcere. Questa la decisione d’appello per ras e affiliati delle Case celesti di Secondigliano e facenti...

Nella stessa categoria