21.7 C
Napoli
lunedì, Giugno 24, 2024
PUBBLICITÀ

Allerta meteo in Campania, 5 sindaci hanno chiuso le scuole mercoledì 23 novembre: l’elenco in aggiornamento

PUBBLICITÀ

Sulla Campania è in vigore fino alle 23.59 una allerta meteo di livello Arancione per temporali anche di forte intensità, venti forti e mare molto agitato con mareggiate. La Protezione civile Regionale, considerato il quadro meteo attuale, ha prorogato l’avviso fino alle 12 di domani, mercoledì 23 novembre: dalla mezzanotte però si passa al Giallo.

Dunque in gran parte dei Comuni le scuole domani dovrebbero riaprire visto che si passerà ad allerta meteo gialla, ma molti sindaci valuteranno caso per caso. Per esempio il sindaco di Benevento Clemente Mastella aveva già deciso di chiudere le scuole per due giorni, martedì e mercoledì. Altri sindaci potrebbero prorogare la chiusura delle scuole anche nei prossimi giorni, soprattutto nel Cilento dove la situazione è più grave.

PUBBLICITÀ

causa dell’allerta meteo arancione in Campania, Lazio e Sardegna in molti comuni le scuole sono rimaste chiuse il 22 novembre, dopo il primo stop del 21 novembre. A causa delle condizioni meteo, in due comuni le scuole resteranno chiuse anche mercoledì 23 novembre.

SCUOLE CHIUSE DOMANI 23 NOVEMBRE 

Le scuole che restano chiuse anche domani 23 settembre al momento sono quelle di:

  • Agropoli;
  • Benevento
  • Pagani
  • Siano
  • Nocera Inferiore (Il Sindaco di Nocera Inferiore Paolo De Maio ha disposto la chiusura di scuole, parchi gioco, Cimitero Comunale e sottopassi per la giornata di mercoledì 23 novembre, alla luce dei danni già provocati ad oggi dalle abbondanti precipitazioni e al fine di consentire all’Ufficio tecnico comunale un’accurata valutazione di ulteriori pericoli)

In tutti gli altri comuni di Napoli e provincia e del resto della regione Campania al momento le scuole restano aperte mercoledì 23 novembre.

Strade allagate, fiumi esondati, treni bloccati, lamiere di coperture volate via. A causa del maltempo in tutte le province della Campania è stata una giornata di gravi disagi. Ancora presto per fare la conta dei danni ma si spera nella tregua di domani sul fronte meteo per iniziare a rimettere le cose a posto.

In Irpinia si sono registrate diverse criticità. Nel capoluogo strade e cantine allagate; disagi alla circolazione al Ponte della Ferriera. Paura a Mercogliano dove il vento forte ha divelto la copertura in lamiera di una scuola elementare in frazione Torelli.

    Nel Sannio, a causa delle abbondanti piogge, sono costantemente monitorati i fiumi Sabato e Calore. I corsi d’acqua si sono ingrossati e sono in piena.

Nel Salernitano sono diversi i fronti di criticità. A Pellezzano la Protezione Civile ha messo in salvo dieci persone rimaste bloccate in un edificio per l’acqua alta. A destare preoccupazione è stato il fiume Irno, tracimato in più punti.

Bloccata anche la tratta ferroviaria tra Codola e Mercato San Severino per allagamento dei binari. Disagi anche in Costa d’Amalfi e nel Cilento, già colpito nei giorni scorsi, e dove la situazione è monitorata costantemente.   A Castellammare di Stabia, nel Napoletano, invece, è esondato il fiume Sarno. Le acque del fiume hanno allagato alcune case in via Napoli e tre famiglie sono rimaste bloccate. I volontari della Protezione civile sono intervenuti ed hanno messo in salvo le persone, tra cui anche alcuni bambini che sono stati portati via in braccio. Disagi anche per i collegamenti con le isole del Golfo, a causa del forte vento e del mare mosso

La Sala operativa regionale e il centro Funzionale seguono in h24 l’evolversi della situazione a supporto dei Comuni. Si ricorda ai Sindaci di mantenere attivi i Centri operativi comunali e di prestare attenzione ai fenomeni di dissesto idrogeologico previsti (frane, allagamenti, instabilità di versante, caduta massi, Ruscellamenti, esondazioni,…) anche in assenza di precipitazioni. Si raccomanda altresì di monitorare la corretta tenuta del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso.

I tecnici del Genio Civile della Regione Campania – sezione competente per la provincia di Salerno – sono intervenuti nel primo pomeriggio a Nocera Inferiore dove, a causa del crollo della parete di un alveo, è stato necessario effettuare un intervento di somma urgenza.

I temporali che hanno interessato la zona hanno determinato allagamenti anche nella stazione ferroviaria di Castel San Giorgio:  la circolazione ferroviaria tra Mercato San Severino e Nocera è rimasta ferma per alcune ore. La Regione Campania ha inviato al sindaco di Nocera Superiore mille sacchi di sabbia da utilizzare a protezione degli argini e anche di alcuni locali a rischio situati al piano terra.

La Protezione civile della Regione Campania, con squadre di volontari, ha portato in salvo alcuni operai di una ditta situata nel comune di Castellammare, in via Ripuaria, rimasti bloccati dall’esondazione del fiume Sarno, numerosi abitanti di Forino (Av) dove in località Celzi si sono verificati consistenti allagamenti e una signora con tre figli nella zona industriale di Sassano, in provincia di Salerno. Gli interventi sono stati attuati grazie all’utilizzo di gommoni.

Volontari della stessa Protezione Civile regionale sono stati impegnati anche sull’isola d’Ischia dove, nel pomeriggio, è crollato in mare il muro di contenimento di via Mazzella.

E’ proseguita inoltre l’attività della protezione civile regionale di supporto logistico-organizzativo ai Centri Operativi Comunali di Agropoli e Santa Maria di  Castellabate.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Vergogna a Roma, spunta uno striscione che inneggia l’assassino di Ciro Esposito

"Daniele De Santis figlio di Roma!". Nella Capitale ancora una scritta inneggiante a Daniele De Santis, l'ultras romanista condannato...

Nella stessa categoria