22.6 C
Napoli
domenica, Giugno 23, 2024
PUBBLICITÀ

Anna uccisa in costiera Sorrentina, bloccato l’ex compagno nel nascondiglio

PUBBLICITÀ

Nella tarda mattina i carabinieri della compagnia di Sorrento hanno rinvenuto il cadavere di Anna Scala. Il corpo della 56enne era nel bagagliaio di un’auto, parcheggiata in un’area condominiale in Via San Massimo a Piano di Sorrento. Il cofano della macchina era aperto, la donna, originaria di Vico Equense, era visibile. Era sanguinante, probabilmente per le ferite d’arma da taglio.  Ad avvisare il 112 è stato un cittadino che ha verosimilmente visto il corpo nell’auto.

PRESO IL PRESUNTO KILLER

Individuato e fermato dai Carabinieri Salvatore Ferraiuolo che è indiziato dell’omicidio di Anna Scala. Si trovava in una zona impervia della città, vicino a dove aveva nascosto lo scooter con il quale si era allontanato dal luogo dell’omicidio.

PUBBLICITÀ

Secondo quanto riferito da alcuni testimoni, la donna è stata uccisa mentre stava aprendo il bagagliaio dell’auto per prendere la spesa. Proprio allora si sarebbe avvicinato Salvatore , vestito di nero, che l’ha accoltellata più volte prima di scappare in motorino.

L’uomo ritenuto indiziato dell’omicidio di Scala è stato sottoposto a fermo per omicidio premeditato. Il 54enne sarà tradotto al carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. Indagini serrate a cura dei Carabinieri della Compagnia di Sorrento e del Gruppo di Torre Annunziata, sotto il coordinamento della Procura oplontina, L’autopsia sarà fatta verosimilmente domani stesso.

LA DEDICA DEL SINDACO DI PIANO DI SORRENTO

Siamo addolorati e sconvolti. Il terribile delitto avvenuto oggi nella nostra città è un atto di inaudita follia. Voglio esprimere, dal profondo del mio cuore e a nome dell’intera comunità di Piano di Sorrento, il nostro cordoglio ai familiari della vittima. Gli inquirenti sono al lavoro senza sosta per fare chiarezza e noi stiamo fornendo la massima collaborazione possibile anche con specifico riferimento ai filmati della video sorveglianza comunale attraverso il Comando di Polizia Municipale. Attendiamo di conoscere gli sviluppi delle indagini che definiranno con più certezza ogni elemento e responsabilità di questa gravissima vicenda“, scrive il sindaco Salvatore Cappiello.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Vergogna a Roma, spunta uno striscione che inneggia l’assassino di Ciro Esposito

"Daniele De Santis figlio di Roma!". Nella Capitale ancora una scritta inneggiante a Daniele De Santis, l'ultras romanista condannato...

Nella stessa categoria