Giornata nera per il clan Mazzarella. Dopo l’arresto di Francesco Rinaldi ‘o pacian (leggi qui l’articolo), altre due persone ritenute vicine al gruppo finite in manette. I carabinieri del nucleo investigativo del Comando provinciale di Napoli, con la preziosa collaborazione di quelli della Compagnia di Scalea hanno appena localizzato e arrestato due latitanti. A finire in manette, nell’ambito di una complessa indagine coordinata dalla DDA partenopea, i coniugi Ciro Monacella e Annunziata Falanga. Entrambi ritenuti contigui al clan Mazzarella sono irreperibili dal maggio scorso quando l’autorità giudiziaria napoletana li ha condannati rispettivamente a 18 (Monacella) e 16 (Falanga) anni di reclusione per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, aggravata dalle finalità mafiose (leggi qui l’articolo). La coppia è stata sorpresa in una villetta a Scalea, comune del Cosentino.

Monacella, detto Poco Poco, viene indicato come un capopiazza della zona di Forcella, a Largo Sant’Arcangelo a Baiano. A parlare di lui il collaboratore di giustizia Gennaro Lauro: «Si tratta di una persona che faceva l’eroina a Forcella per conto del clan Mazzarella. Ha una piazza di droga nei pressi di S.Arcangelo a Baiano. Quando c’erano i Giuliano era obbligato a comprare la droga e a rifornirsi dai Giuliano. Con l’ avvento dei Mazzarella, invece, queste persone avevano più autonomia nel senso che gestivano da soli il commercio della droga e davano una quota ai Mazzarella».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.